Meghan, intervista choc a Oprah: "Razzismo alla casa reale" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Ven, Set

Meghan, intervista choc a Oprah: "Razzismo alla casa reale"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Meghan Markle attacca la casa reale britannica in un'intervista concessa con il marito Harry a Oprah Winfrey. Nel corso del colloquio, trasmesso in anteprima mondiale dalla Cbs, Meghan rivela anche di essere incinta, in dolce attesa di una bambina che nascerà quest'estate.

Ma a fare scalpore sono soprattutto le accuse durissime nei confronti dei reali britannici, compresa quella nemmeno troppo velata di razzismo, e la confessione da parte di Meghan di avere pensato anche al suicidio. "Non volevo più vivere", ha detto Meghan parlando del suo stato d'animo.  

Stando alle sue rivelazioni, quando lei era ancora incinta del primogenito Archie un membro della famiglia reale avrebbe espresso preoccupazioni "su quanto potrebbe essere scura la sua pelle". Meghan ha spiegato di non voler fare il nome di chi avrebbe pronunciato queste parole, sottolineando che sarebbe "molto dannoso per loro". Parole, le sue, di fatto confermate dallo stesso Harry: "Quella conversazione non la condividerò mai", ha detto il duca di Sussex, aggiungendo che "all'epoca fu imbarazzante, ero un po' scioccato". 

Parlando dei suoi gravi pensieri depressivi, Meghan ha detto: "Semplicemente non volevo più vivere. Ed erano pensieri costanti, terrificanti, reali e molto chiari". Quando però si è rivolta all' 'istituzione' "e ho detto che avevo bisogno di ottenere aiuto, che non mi ero mai sentita così prima di allora...mi hanno detto che non potevo, che non sarebbe stata una cosa buona per l'istituzione". 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002