Brasile, Lula: "Potrei candidarmi nel 2022, se fosse necessario" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

Brasile, Lula: "Potrei candidarmi nel 2022, se fosse necessario"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

L'ex presidente del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva non considera "una priorità" una sua candidatura alle presidenziali dl 2022, ma non esclude di presentarsi "se fosse in salute e questo si rivelasse necessario". L'obiettivo del Partito dei Lavoratori alle elezioni, ha sottolineato è togliere Jair Bolsonaro dai vertici politici del paese.  

"Se fosse necessario e fossi in salute, sarei lì a combattere, ma questa non è la mia priorità", ha dichiarato Lula in un'intervista all'emittente portoghese Rpt. "Non possiamo dire ora se avremo o meno un candidato", ha aggiunto, sottolineando che di qui al 2022 il Pt deciderà se presentare un candidato alla presidenza o se entrerà a far parte di 'un fronte ampio'". 

"L'unica verità è che Bolsonaro non può continuare a governare il Brasile", ha aggiunto, accusando l'attuale presidente di aver "creato contenziosi con tutti i paesi". Il 9 marzo scorso la Corte Suprema ha annullato le condanne di corruzione passiva e riciclaggio contro Lula dettate nell'ambito dell'operazione Lava Jato e ripristinato i suoi diritti politici. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002