Terrorismo, avvocato ex Br in Francia: "Voltare pagina, Italia conceda amnistia" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Gio, Set

Terrorismo, avvocato ex Br in Francia: "Voltare pagina, Italia conceda amnistia"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Non capisco come in Italia non si riesca, come è successo in altre questioni storiche, a concedere l'amministia per delle vicende vecchie di oltre 40 anni. E' incomprensibile. Ci vuole una pacificazione, servono misure di amnistia". Ad affermarlo all'Adnkronos è l'avvocata francese Irène Terrel, storico difensore di molti dei fuoriusciti italiani della lotta armata commentando l'incontro tra il ministro della Giustizia Marta Cartabia e il suo omologo francese Eric Dupond-Moretti, durante il quale l'Italia ha ribadito alla Francia la "pressante richiesta" "affinché gli autori degli attentati delle Brigate Rosse possano essere assicurati alla giustizia". 

"Se si guarda al diritto francese - sottolinea Terrel - sono tutti casi prescritti. Non capisco come si possa tornare su queste questioni: sarebbe un errore giuridico e sarebbe scandaloso. C'è la prescrizione". 

Su questo tema, rileva ancora l'avvocato francese, "c'è un accanimento ricorrente" e "sono stupefatta perché non si può tornare su queste questioni dal punto di vista giuridico e storico. La concessione dell'amnistia permetterebbe di pacificare questo periodo politico che è stato estremamente doloroso per molte persone ma c'è un momento in cui bisogna voltare pagina. I tempi giudiziari sono passati". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002