Myanmar, oltre 700 vittime inizio proteste anti golpe - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Gio, Giu

Myanmar, oltre 700 vittime inizio proteste anti golpe

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Il numero delle vittime della repressione messa in atto contro i manifestanti dai militari golpisti a Myanmar è salito ad oltre 700. A denunciarlo è l'Associazione di assistenza ai prigionieri politici (Aapp), secondo cui i morti sono almeno 701: nella sola giornata di venerdì, almeno 82 persone sono state uccise nella città sudorientale di Bago, dove secondo alcuni media locali i militari hanno fatto uso di artiglieria pensante contro i civili. 

"L'Onu - ha scritto su Twitter l'ufficio delle Nazioni Unite in Myanmar - sta seguendo gli eventi a Bago e le notizie del ricorso all'artiglieria pesate contro i civili e dell'assistenza medica negata ai feriti". Sempre nelle manifestazioni, secondo Aapp, che denuncia il ricorso alla tortura sui detenuti, i militari al potere dal primo febbraio hanno arrestato circa 3mila persone. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002