Iran, nucleare: Zarif accusa Israele di sabotaggio e promette vendetta - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Ven, Set

Iran, nucleare: Zarif accusa Israele di sabotaggio e promette vendetta

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha accusato Israele per l'atto di sabotaggio contro la centrale nucleare di Natanz, promettendo vendetta. Lo riporta la televisione di Stato iraniana. "I sionisti vogliono vendicarsi perché abbiamo compiuto progressi nella revoca delle sanzioni e hanno detto pubblicamente che non lo permetteranno. Ma ci prenderemo la nostra vendetta", ha detto Zarif. 

L'incidente nell'impianto nucleare di Natanz può essere considerato un "crimine contro l'umanità", ha quindi affermato il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Saeed Khatibzadeh, durante una conferenza stampa trasmessa da Press Tv, durante la quale non ha risparmiato accuse a Israele. "Quello che è accaduto a Natanz è stato uno sfrontato atto di terrorismo nucleare sul suolo iraniano - ha affermato rispondendo a una domanda - Non sono state segnalate vittime né contaminazioni. Ma avrebbe potuto essere situazione catastrofica". Quanto accaduto "può essere considerato nella categoria dei crimini contro l'umanità che il regime israeliano commette ormai da molti anni. L'Iran - ha detto - si riserverà tutti i diritti di rispondere in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni unite. Abbiamo avviato contatti con le autorità internazionali e le Nazioni Unite". 

"La risposta per Natanz è vendicarsi contro Israele", ha detto ancora il portavoce. Dopo le parole del capo della diplomazia iraniana, Khatibzadeh ha ribadito che "Israele riceverà la risposta dovuta". In dichiarazioni riportate dall'agenzia Tasnim, il portavoce ha anche affermato che "la risposta dell'Iran sarà vendicarsi con il regime sionista al momento giusto e nel luogo opportuno" e ha accusato Israele di "aver tentato di vendicarsi con il popolo iraniano per la sua pazienza". 

E' stata intanto identifica la persona che sarebbe responsabile del sabotaggio. Lo hanno annunciato fonti di intelligence citate dal sito 'Nournews'. "La persona è stata identificata - hanno dichiarato le fonti - sono state prese le misure necessarie per arrestare questa persona che ha causato l'interruzione dell'elettricità in uno dei padiglioni del sito di Natanz". Il sito non ha aggiunto altri dettagli sul sospetto.  

Israele ha avuto un ruolo nel sabotaggio della centrale nucleare di Natanz, in Iran, sostengono due fonti dell'intelligence americana citate dal New York Times, mentre sui media israeliani si afferma che l'esplosione ha causato "gravi danni al cuore del programma di arricchimento dell'Iran". 

Il New York Times stima che il programma di arricchimento dell'uranio di Teheran è stato rallentato di nove mesi. L'emittente israeliana Kan ha citato un funzionario a condizione di anonimato secondo Natanz ha subito un danno "esteso" e che sono state danneggiare varie centrifughe installate nel centro sotterraneo. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002