Covid, Spagna verso divieto fumo all'aperto: "Diffonde il virus" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

Covid, Spagna verso divieto fumo all'aperto: "Diffonde il virus"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Divieto di fumare all'aperto per contrastare la diffusione del Covid-19. In Spagna cresce il movimento che chiede misure restrittive in questo senso: la 'nuvola' di aerosol prodotta dalla sigaretta, tradizionale ed elettronica, potrebbe essere un vettore del virus soprattutto nei luoghi, come terrazze o dehors, dove la distanza tra i clienti è ridotta.  

Secondo José Luis Díaz-Maroto Muñoz, responsabile comunicazione Grupo de Tabaquismo de Semergen (Sociedad Española de Médicos de Atención Primaria), "chi espira il fumo lo proietta da una distanza maggiore rispetto a quando parla o respira. Inoltre, il fumo veicola l'aerosol che trasmette il virus almeno a 8 metri di distanza. Per questo è importante non fumare all'aperto quando si hanno persone vicine".  

In Spagna alcune comunità autonome - scrive 'El Pais' - stanno lavorando al divieto di fumo all'aperto. "La distanza di un metro e mezzo tra le sedie di commensali in un ristorante all'aperto è sufficiente se i clienti si limitano a parlare e mangiare - avverte Díaz-Maroto Muñoz - Ma non va bene se si fuma un sigaretta".  

BASSETTI  

"E' evidente che nel fumo ci sono particelle potenzialmente anche di virus, perché quando noi eliminiamo il fumo (di sigarette, di pipa, della e-cig) è chiaro che buttiamo fuori con aerosol anche particelle del virus se siamo positivi. Ma non c'è uno studio che dimostra che chi fuma trasmette di più Covid rispetto a chi ti respira vicino profondamente. Vietare di fumare all'aria aperta è eccessivo, stiamo attenti altrimenti qui si va sempre più verso divieti quando dovremmo andare in una altra direzione", afferma all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente dell'Unità di crisi Covid-19 della Liguria. "Se chi si accende una sigaretta e quindi si toglie la mascherina ha una persona accanto può contagiarla - avverte Bassetti - ma questo può accadere solo dove c'è assembramento di persone e se non si indossa il dispositivo di protezione. Per me il divieto è un paradosso, basta un po' di buon senso - conclude - chi fuma cercherà di mettersi in un'area lontana da altre persone per evitare di sparargli il fumo addosso". 

MINELLI  

"Certamente l'abitudine consolidata al fumo può essere considerata elemento in grado di potenziare l'infiammazione correlata alla malattia Covid-19, ma individuare nel fumo passivo occasionale un'aumentata possibilità di rischio di contrarre il Sars-CoV-2 rimane ipotesi al momento priva di alcun fondamento", sottolinea all'Adnkronos Salute l'immunologo Mauro Minelli, responsabile per il Sud della Fondazione italiana di medicina personalizzata, commentando la notizia. "Questione datata e controversa, nella quale la nicotina è stata addirittura considerata sostanza capace di agire positivamente sui pazienti affetti da Covid, in ragione di alcuni effetti antinfiammatori di cui sarebbe dotata - ricorda Minelli - In realtà, i dati attendibili relativi ai rischi di Covid-19 correlati all'uso di sigarette sono pochi, a meno che non si includa tra questi la necessità, per chi sta fumando in luogo pubblico, di abbassare la mascherina con ciò espirando nell'aria circostante l'eventuale virus di cui il fumatore potrebbe essere portatore inconsapevole. Ma questa non è già più un'azione direttamente correlabile al fumo in quanto tale".  

"Di certo, quel che si può dire è che la pandemia non ha incoraggiato i fumatori a smettere, soprattutto in ragione dell'isolamento a casa che, anzi, ha contribuito a consolidare le abitudini tabagiche aumentando le quantità del fumo attivo e, purtroppo, anche passivo - avverte l'immunologo - E, come già più volte segnalato, il fumo di sigaretta porta ad un'aumentata espressione di Ace2, il famoso recettore 'chiave' attraverso cui il nuovo coronavirus innesca, per il tramite della propria proteina 'spike', il micidiale processo patologico di cui è capace"."Oltre a questo - conclude Minelli - è noto che il fumo di sigaretta, ma anche gli aromi delle sigarette elettroniche, sovra-regolano la produzione di citochine 'nemiche' e cioè di mediatori dell'infiammazione (Ccl20 e Cxcl8 nei fumatori di sigarette; Ccl5 e CcR1 nei consumatori di sigarette elettroniche), cosa che non sembra accadere nei casi in cui vengono utilizzati per il fumo elettronico prodotti privi di aromi e nicotina".  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002