Francia, poliziotta uccisa a coltellate. Aggressore ha urlato 'Allah Akbar' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Ven, Set

Francia, poliziotta uccisa a coltellate. Aggressore ha urlato 'Allah Akbar'

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Una funzionaria di polizia è stata uccisa a coltellate oggi in Francia, nei pressi del commissariato di Rambouillet, a una sessantina di chilometri a sudovest di Parigi. L'aggressore, un 36enne di nazionalità tunisina, è stato ucciso dagli agenti che sono intervenuti sparando per fermarlo. Avrebbe urlato 'Allah Akbar' durante l'attacco, riferiscono fonti citate da Cnews.  

La poliziotta accoltellata a morte era una funzionaria amministrativa e aveva 49 anni. Come spiega l'emittente Bfmtv, è stata pugnalata più volte alla gola. L'agente era uscita dall'edificio per andare a cambiare in auto il disco orario, ha reso noto Valérie Pécresse, presidente della regione Ile-de-France. Al suo rientro, l'assalitore l'ha seguita ed è entrato con lei all'interno del dispositivo di sicurezza tra l'esterno e l'interno dello stabile e l'ha colpita. "La aspettava", ha dichiarato la presidente della regione.  

L'aggressore, giunto in Francia in modo irregolare nel 2009, era stato regolarizzato nel 2019. La procura antiterrorismo francese (Pnat) ha aperto un'inchiesta. "Non cederemo nella lotta contro il terrorismo islamista" ha scritto in un tweet Emmanuel Macron. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002