Sud Sudan vescovo gambizzato, la mamma: "Chi ha fornito le armi?" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

Sud Sudan vescovo gambizzato, la mamma: "Chi ha fornito le armi?"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Christian ha perdonato i suoi aggressori ma da madre e soprattutto da italiana mi chiedo: chi ha fornito loro le armi?". Marcellina Carlassare è la mamma del vescovo gambizzato in Sud Sudan. E stata contattata dal figlio vescovo e ora è più tranquilla ma interpellata dall’Adnkronos osserva: "Il perdono può esserci ed è un cammino, è un bel gesto da parte di mio figlio ma io vado oltre e dico: queste armi chi le ha fornite agli aggressori se non l’Occidente, noi?". 

"Mi sento ancora frastornata - osserva la mamma del vescovo - ma ora che ho sentito Christian mi sento più tranquilla". La madre del vescovo vuole andare oltre quello che è accaduto al figlio sacerdote perché, come dice, "è tempo che ognuno faccia qualcosa per cambiare il mondo. Belle le preghiere e le persone che si stringono attorno in questo momento, ma poi c’è la realtà che va cambiata. Il Sud Sudan ma penso anche a tanti altri Paesi faticano a trovare l’equilibrio ma poi le armi chi le fornisce? Anche l’Italia". 

La mamma del vescovo pensa che si debba cogliere questa occasione per avviare un processo di cambiamento: "Bisogna cominciare a denunciare le ‘banche armate’. Troppo spesso sentiamo di persone buone e competenti che lavorano per la pace e poi vengono tolte di mezzo. L’ultima la missionaria in Perù. E’ tempo di cambiare e di denunciare". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002