San Giuseppe patrono del lavoratore
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Dom, Lug

San Giuseppe patrono del lavoratore

Il senso della vita
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
San Giuseppe patrono del lavoratore. Con Reverendo
San Giuseppe patrono del lavoratore

 

Il primo maggio è la festa del lavoratore! Un tempo tutte le attività erano chiuse e la gente iniziava le gite fuori porta! Ai primi soli tiepidi di una primavera avanzata! Il nostro mondo è mutato ed il lavoratore oramai non si riposa più! Sono in aumento le attività, i settori di lavoro che non chiudono mai...

San Giuseppe è il protettore del lavoratore. Lui stesso lavorò nel corso della Sua esistenza. Fece il falegname, ma, se poco si sa e si dice di Lui, si intuisce che il Suo lavoro principale fu l'ascolto di nostro Signore! Obbedì fedelmente a quanto gli venne richiesto dall'Alto...

Il Rev. don Curzio Nitoglia, nel video di quest'oggi, ci parlerà in maniera chiara, concisa, diffusa di San Giuseppe e dell'enciclica di Papa Leone XIII "Rerum Novarum". È un'enciclica sociale promulgata il 15 maggio 1891 con la quale per la prima volta la Chiesa cattolica prese posizione in ordine alle questioni sociali e fondò la moderna dottrina sociale della Chiesa.

Noi, essendo un giorno di festa, ricorreremo a una poesia di Ezra Pound per far da cornice a quanto ci dirà don Curzio Nitoglia nel video:

"Contro l'Usura"

Con usura nessuno ha una solida casa
di pietra squadrata e liscia
per istoriarne la facciata,
con usura
non v'è chiesa con affreschi di paradiso
harpes et luz
e l'Annunciazione dell'Angelo
con le aureole sbalzate,
con usura
nessuno vede dei Gonzaga eredi e concubine
non si dipinge per tenersi arte
in casa, ma per vendere e vendere
presto e con profitto, peccato contro natura,
il tuo pane sarà straccio vieto
arido come carta,
senza segale ne' farina di grano duro,
usura appesantisce il tratto,
falsa i confini, con usura
nessuno trova residenza amena.
Si priva lo scarpellino della pietra,
il tessitore del telaio
CON USURA
la lana non giunge al mercato
e le pecore non rendono
peggio della peste è l'usura, spunta
l'ago in mano alle fanciulle
e confonde chi fila. Pietro Lombardo
non si fe' con usura
Duccio non si fe' con usura
ne' Piero della Francesca o Zuan Bellini
ne' fu "La Calunnia" dipinta con usura.
L'Angelico non si fe' con usura, ne' Ambrogio de Praedis,
Nessuna chiesa di pietra viva firmata: Adamo me fecit.
Con usura non sorsero
Saint Trophime e Saint Hilaire,
Usura arrugginisce il cesello
arrugginisce arte e artigianato
tarla la tela nel telaio, nessuno
apprende l'arte d'intessere oro nell'ordito;
l'azzurro s'incancrena con usura; non si ricama
in cremisi, smeraldo non trova il suo Memling
Usura soffoca il figlio nel ventre
arresta il giovane drudo,
cede il letto a vecchi decrepiti,
si frappone tra i giovani sposi
CONTRO NATURA
ad Eleusi han portato puttane
Carogne crapulano
ospiti d'usura

N.B. Usura: una tassa prelevava sul potere d'acquisto senza riguardo alla produttività, e sovente senza riguardo persino alla possibilità di produrre (Onde il fallimento della Banca dei Medici).

Per un ricercatore spirituale il lavoro predominante, più importante è costituito dal "lavoro su di sé" e l'altro lavoro, quello ordinario, è necessario e subordinato al lavoro interiore...

Silvano del Monte Athos scrisse: "Dio aiuta a fare il bene, e l'Avversario a fare il male, ma questo dipende anche dalla tua volontà. È necessario che ti sforzi di fare il bene, ma con misura, con piena cognizione delle tue forze. Bisogna che tu apprenda ciò che è utile alla tua anima. Per alcuni è più vantaggioso pregare, per altri leggere o scrivere.

Ed ora qualche aforisma sul lavoro interiore per ridare spazio alla ri-creazione, quello dell'"essere" di cui oggi giorno si dimentica l'esistenza. Nel nichilismo, nel vuoto totale, ci si dimentica dell'"io sono" e soprattutto si dimentica di essere figli del Figlio dell'Uomo e quell'Uomo era un Maestro! Ma se Lui era: "Uomo e il Maestro - Rabbi" allora noi chi siamo? Chi è in realtà l'"UOMO" e noi chi siamo? Forse converrebbe lungamente meditare al riguardo...

- Ricorda te stesso sempre e ovunque

- Se già sai che è male, e lo fai ugualmente, commetti un peccato cui è difficile rimediare

- Il vero indizio di un uomo buono è che ama suo padre e sua madre

- Aiuta soltanto chi non è ozioso

- Rispetta ogni religione

- Noi possiamo soltanto sforzarci di essere cristiani

- Non giudicare un uomo dalle parole altrui

- Soltanto chi è in grado di vegliare sui beni altrui merita di avere qualcosa di proprio

- Solo la sofferenza cosciente ha significato

- Può essere giusto soltanto colui che sa mettersi al posto degli altri

- L'energia spesa nel lavoro interiore attivo si trasforma immediatamente in una nuova riserva, ma quella spesa nel lavoro passivo è perduta per sempre

- Uno dei mezzi migliori per risvegliare il desiderio di lavorare su di sé è quello di rendersi conto che si può morire da un momento all'altro. Ma bisogna imparare a non dimenticarselo

- La speranza incrollabile è forza.
La speranza piena di dubbi è vigliaccheria.
La speranza piena di paura è debolezza

VIDEO. San Giuseppe patrono del lavoratore. Con Reverendo Don Curzio Nitoglia

 

Leggi anche: Associazione Eumeswil


 L'ASSOCIAZIONE #EUMESWIL​ è un’associazione culturale non-profit, sorta a Firenze e Vienna con lo scopo di studiare e diffondere l’opera, il pensiero e lo stile esistenziale di #ErnstJünger​.

L’Associazione si fonda su tre pilastri:

CULTURA - Intesa come coltivazione di sé.

TRADIZIONE - Come l'eredità spirituale dei nostri antenati.

RETTITUDINE - Come modo di essere e non di apparire.

Visita il Sito: Associazione Eumeswil

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: RedEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.