Trovare la luce - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Ven, Set

Trovare la luce

Il senso della vita
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Trovare la luce
Trovare la luce

 

Ttra breve la luce sarà al suo massimo splendore. La luce vincerà le tenebre, ma perché vi sia vera "Luce" occorre dissipare le tenebre nella nostra interiorità, nel nostro spazio vitale. Nessuna luce può giungere, se non come miracolo, dove nn viene ricercata consapevolmente ed accettata. La lotta tra il Bene ed il Male è sempre esistita nel mondo... Vi sono state epoche in cui i popoli hanno vissuto serenamente e epoche oscure. Crediamo opportuno soffermarci a riflettere sui grandi temi, se desideriamo vivere con intensità e comprensione alla luce di una nuova consapevolezza. Questo anno sta giungendo alla sua fase mediana. Ha visto dolore diffuso. Quel dolore che la società del benessere e del comfort ha desiderato tenere a distanza. Abbiamo perso persone, lavoro, cultura, libertà di persona, pensiero e di espressione,un sorriso, un volto, una carezza,un abbraccio e una stretta di mano. Abbiamo perso un incontro piacevole, la possibilità di stare con i nostri cari ed amici.

Ogni perdita vale se in cambio vinciamo qualcosa, ogni perdita è grave se perdiamo ogni cosa. Interrogarsi su: il senso della vita, il valore della vita e la qualità della vita -si auspica - possa essere di aiuto per risollevarsi da un momento difficile come il presente. Il fatto che il dolore è riemerso evidente ed è presente e ci chiama alla prova sarà il primo elemento per cui si potrà percepire,in modo lampante, la differenza di animo fra le persone. Non tutti rispondono allo stesso modo al suo appello ed ogni epoca intreccia un suo rapporto col dolore.

Chi crede che il corpo sia tutto, vedrà la sua vita minata in questo momento con questa epidemia in corso. Chi vede il corpo con distacco e da una posizione di rilievo ha la possibilità di trovare soluzioni alternative per vivere in questo tempo critico. La sicurezza che la nostra epoca è andata sempre più ricercando è minacciata, ma siamo sicuri di ricercare un qualcosa di autentico? Cosa in realtà è sicuro nella vita? Si dice la morte. Ed eccoci giunti al nodo cruciale del nostro discorso. Cosa si cela dietro le quinte di quest’epoca? Una grande paura della morte! Che armi ci vengono date per affrontarla? Nessuna! Forse un vaccino... Ma ci salverà il vaccino per sempre da questa paura e da questo incontro pericoloso o viene soltanto posticipato il problema? Forse sarebbe opportuno soffermarsi a guardare un opera d’arte: Il cavaliere, la morte ed il diavolo di Durer... Bisogna riflettere e riflettere bene su quale sia il giusto atteggiamento da tenere in queste circostanze e se desideriamo che la morte ci colga vivi o già morti... Perché un folle terrore della morte non prenda il sopravvento su di noi e neppure un beffardo disprezzo per essa. Noi vi proponiamo -perciò - la lettura dei nostri Annali su grandi temi. Gli scritti non sono allineati al pensiero unico dominante.

Grandi esponenti della cultura internazionale sono stati coinvolti nella stesura dei nostri volumi che forse possono essere di aiuto per fare un punto sulla situazione. I temi trattati sono: La paura, Il coraggio, Il mistero dell’esistenza, La nostalgia del Paradiso, Tempo e destino, Cultura e censura e poi se non vi bastasse: Il bosco, Natura e cultura, La menzogna, Il crimine. L’uomo senza pensare non cresce, ma senza l’esperienza non matura e senza il cuore non vive. Andiamo nel centro del nostro essere a risiedere, scoprirci e far vivere il nostro cuore affinché come il Parsifal si possa giungere alla sua purezza e alla chiara visione del mondo. Alla lettura dei nostri Annali proponiamo per chi desidera riceverlo, chiedendocelo, un saggio di Valentina Menesatti estratto da: gli Annali di Eumeswil cultura e censura su: Ernst Junger libertà e censura nell’età della tecnica e mettiamo a vostra disposizione i nostri video di presentazione degli Annali. In ciascun incontro studiosi della cultura italiana ed europea hanno dibattuto temi differenti, ma universali.

2018 - Firenze: Presentazione "Annali di Eumeswil" al Caffe Letterario Giubbe Rosse. Con Carlo Bagnoli e Thomas Friese - https://youtu.be/qf6xrNYw3HM

2019 - Milano: Presentazione "Annali di Eumeswil" alla Libreria Cultora Milano. Con Luca Siniscalco e Andrea Scarabelli - https://youtu.be/M2I5eM5Ol3w

2019  - Roma: Presentazione "Annali di Eumeswil" al Caffè Letterario Horafelix a Roma. Con Giovanni Antonucci e Giovanni Sessa - https://youtu.be/EVCaiRCxqVQ

2020 - Napoli: Presentazione "Gli Annali di Eumeswil" al Centro Studi Pietro Golia a Napol. Con Stefano Arcella - https://youtu.be/PCpgY0ves8o

Un saluto con l’augurio che ciascuno, a modo proprio, possa far luce nel suo essere e nel mondo perché la vera luce possa inondarlo e raggiungere così la tranquillità dell’animo tanto anelata.

 

Leggi anche: Associazione Eumeswil


 L'ASSOCIAZIONE #EUMESWIL​ è un’associazione culturale non-profit, sorta a Firenze e Vienna con lo scopo di studiare e diffondere l’opera, il pensiero e lo stile esistenziale di #ErnstJünger​.

L’Associazione si fonda su tre pilastri:

CULTURA - Intesa come coltivazione di sé.

TRADIZIONE - Come l'eredità spirituale dei nostri antenati.

RETTITUDINE - Come modo di essere e non di apparire.

Visita il Sito: Associazione Eumeswil