Covid, Andrea Illy: "E' occasione per creare mondo nuovo e migliore" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Covid, Andrea Illy: "E' occasione per creare mondo nuovo e migliore"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Il Covid ha tuttora degli effetti drammatici sulle persone in termini di benessere, salute, lavoro, reddito, e vita sociale. Come uscirne? Sicuramente è un'occasione per rivedere i propri valori e comportamenti verso uno stile di vita più eudemonico, e quindi una vita più altruistica, perché è nella solidarietà che si torva la forza di reagire alle crisi. Una vita più virtuosa e anche più moderata.

Questo a livello individuale. Ma la grande opportunità che il Covid sta offrendo ai governi è quella di lavorare per un mondo nuovo e migliore". Così Andrea Illy, presidente di illycaffè Spa, azienda di famiglia specializzata nella produzione di caffè, commenta, intervistato da Adnkronos/Labitalia, i risultati del 'World Happiness Report', la ricerca che redige annualmente la classifica dei Paesi più felici al mondo, e che quest'anno ha studiato gli effetti del Covid-19 sul benessere delle persone. 

illycaffè e la Fondazione Ernesto Illy, per il quinto anno consecutivo, infatti, sono partner del World Happiness Report. “Riteniamo la felicità un prerequisito per qualsiasi transizione verso una società più sostenibile -spiega Illy- tanto che il benessere dei nostri stakeholder rappresenta uno degli impegni statutari della illycaffè. Una responsabilità importante in un momento come questo, in cui il mondo intero si trova a combattere contro la pandemia, conseguenza globale tangibile del cambio climatico. Sosteniamo gli studi sulla felicità attraverso illycaffè e la Fondazione Ernesto Illy per capire quali sono le determinanti della felicità e attuarle nel nostro contesto professionale”. 

E per Illy si deve cercare di realizzare un mondo "più sostenibile, superando l'insostenibilità sistemica che abbiamo raggiunto con la nostra società". "Insostenibile dal punto di vista economico, ma anche sociale e ambientale. Un mondo nuovo va ripensato, con poche soluzioni che ricreino la sostenibilità su tutte e tre le condizioni", avverte. L'attenzione verso il benessere della società è stata sempre al centro dell'attività imprenditoriale della famiglia Illy. "La nostra filosofia d'impresa -sottolinea Illy- è quella di perseguire il benessere di tutti i suoi portatori d'interesse, gli stakeholder, e questo fin dalla nascita. Basti pensare che il sogno era offrire il miglior caffè al mondo. Il caffè è sempre stata la bevanda della socialità, della cultura, delle cose belle della vita. E' molto associato al concetto della felicità, purché naturalmente sia delizioso". 

"Per essere coerenti -continua Illy- con questo nostro credo di perseguimento della felicità come uno degli scopi dell'impresa, abbiamo iniziato a sostenere questo happiness report, che all'epoca era l'unico strumento di misurazione della felicità dei Paesi. Recentemente questo nostro impegno nella felicità è stato istituzionalizzato quando nel 2019 siamo diventati benefit corporation, che è un istituto giuridico secondo il quale le aziende perseguono i loro scopi anche con un beneficio sociale e ambientale", aggiunge ancora. 

"I nostri tre impegni statutari -continua- sono la sostenibilità ambientale dalla pianta di caffè alla tazzina, la circolarità degli input industriali e infine il benessere di tutti gli stakeholder. Questo è il motivo per cui noi siamo partner" della ricerca. E per l'industriale in questo momento per il mondo "l'imperativo è decarbonizzare la nostra società e ricostituire il cosiddetto capitale naturale, sia esso terrestre, acquatico, oppure fossile: questo si può fare anche con cambiamenti di orientamento al consumo, e sia adoperandosi come cittadini, ma anche come lavoratori e imprese, per una transizione ecologica". "Come è stato fatto -aggiunge- dal governo con l'istituzionalizzazione del ministero guidato da Roberto Cingolani. Questo è importante, perché dai speranza, mobiliti investimenti e perché sostanzialmente consente di uscire da questa che è una crisi sistemica, ambientale, sanitaria, finanziaria, economica e sociale". 

Nella strada verso un 'mondo nuovo', conclude Illy, "il nostro contributo, il mio personale e quello di altri compagni di viaggio imprenditori, è stato quello di creare una fondazione, Regenerative Society Foundation, che è co presieduta da Jeffrey Sachs e da me, che si prefigge proprio di portare la rigenerazione, partendo dai suoli e dall'agricoltura, dalle acque alla città, fino ad arrivare a una industria rigenerativa". (di Fabio Paluccio)