Sciopero Amazon, giuslavorista Rotondi: "Vertenza è tappa centrale per app economy" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Sciopero Amazon, giuslavorista Rotondi: "Vertenza è tappa centrale per app economy"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"La vertenza Amazon segna una tappa fondamentale delle relazioni industriali in un ambito centrale della app economy e dello sviluppo del commercio elettronico. In questo caso, la rivendicazione non è la trasformazione del rapporto di lavoro in dipendente perché sono tutti lavoratori subordinati, ma l’applicazione di un contratto integrativo". Così, con Adnkronos/Labitalia, Francesco Rotondi, giuslavorista e founder LabLaw, sullo sciopero di oggi dei lavoratori della filiera Amazon.  

"Da un lato -sottolinea Rotondi- una grande azienda, multinazionale, che investe e cresce nel nostro Paese con importanti prospettive di sviluppo, che applica un contratto nazionale di categoria come il Ccnl della logistica, trasporto, merci e spedizione; e dall’altro i sindacati che vogliono un contratto integrativo che rivendichi una serie di tutele abbastanza classiche in questi casi, come la questione dei ritmi di lavoro, aumenti retributivi e premio di produzione", aggiunge.  

Secondo Rotondi "il punto è capire bene la cultura sindacale delle rivendicazioni. Se l’obiettivo è quello di migliorare le condizioni lavorative, che è la mission sindacale. Dall’altro lato, quello che manca, probabilmente, è la consapevolezza dei reali meccanismi di funzionamento della nuova economia che qualsivoglia rivendicazione dovrebbe tener sempre presente. In questo senso, appaiono poco comprensibili le richieste di trasformazione di tutti i lavoratori flessibili (con contratti a termine e in somministrazione) in posti di lavoro stabili".  

"La nuova economia -sottolinea Rotondi- si basa su un mix di lavoro stabile e lavoro flessibile e voler ricondurre tutto ad una battaglia sindacale di stabilizzazione della percentuale di lavoratori flessibile è un retaggio vetero-sindacale che non ha prospettiva". 

"La ricerca di nuovi equilibri tra aziende e lavoratori non può prescindere da queste condizioni: una quota di flessibilità è indispensabile ma va tutelata e non rimossa", conclude.