Covid Italia, De Luca (Consulenti lavoro): "Lavoratore no-vax licenziato verrà reintegrato da giudice" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Covid Italia, De Luca (Consulenti lavoro): "Lavoratore no-vax licenziato verrà reintegrato da giudice"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Oggi non c'è un obbligo normativo in base al quale il lavoratore può essere licenziato perché si rifiuta di essere vaccinato. Una cosa è certa: oggi, a normativa vigente, licenziare il lavoratore che si rifiuta di vaccinarsi è rischiosissimo perché, non essendoci un obbligo, il lavoratore viene reintegrato dal giudice". E' quanto sostiene, con Adnkronos/Labitalia, Rosario De Luca, presidente di Fondazione studi dei consulenti del lavoro, intervistato da Adnkronos/Labitalia, sulla discussione riguardo l'obbligo del vaccino anti Covid-19 per i lavoratori sanitari. 

"Sul tema -ribadisce De Luca- è in corso un ampio dibattito dottrinale. Io non appoggio assolutamente chi sostiene che il lavoratore è licenziabile ma è certo che il lavoratore, una volta che viene adottato, a normativa vigente attuale, un provvedimento di licenziamento, si può opporre", continua De Luca.  

E sulla possibilità dello spostamento di un lavoratore no-vax ad altre mansioni, De Luca sottolinea che "in alcuni casi, per alcune aziende, c'è poco da fare: ad esempio, se uno è infermiere è infermiere, se uno è dottore è dottore. Ma non è l'unico caso di azienda o di professione in cui potrebbero sorgere problemi". 

De Luca commenta anche il recente intervento del premier Mario Draghi. "Il premier lo ha detto chiaramente: serve una norma per potere obbligare i lavoratori al vaccino. Allora lì, sì, ci potrebbero essere dei licenziamenti, ma dipenderà da come sarà fatta la norma", spiega ancora.  

E sulla recente decisione del tribunale di Belluno su alcuni sanitari che si erano rifiutati di vaccinarsi chiarisce. "Nel caso della decisione del giudice di Belluno non c'è stato nessun licenziamento, l'ordinanza è stata 'volgarizzata'. I lavoratori sono stati posti in ferie, senza nessuna sospensione, e con il loro regolare stipendio. Pertanto, il giudice, più semplicemente, ha ritenuto non sussistere le ragioni d'urgenza per provvedere in via cautelare", conclude.