Smart working, sì da 8 italiani su 10 dopo emergenza: sondaggio Emg/Adnkronos - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Sab, Ott

Smart working, sì da 8 italiani su 10 dopo emergenza: sondaggio Emg/Adnkronos

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Circa 8 italiani su 10 sono favorevoli a lavorare da remoto, anche dopo la fine della pandemia da Covid-19. E' quanto emerge da un sondaggio Emg-Different per Adnkronos. Alla domanda (rivolta agli occupati che fanno lo smart working), 'finita l'emergenza è favorevole o contrario a proseguire con lo smart working?', il 77% del campione si dice favorevole, il 17% contrario (mentre il 6% preferisce non rispondere).  

Tra i favorevoli prevalgono le donne, l'85%, rispetto agli uomini, il 71%. Abbastanza omogenea la risposta in base alle fasce d'età. Tra chi vorrebbe proseguire con lo smart working anche dopo la fine dell'emergenza sanitaria, il 78% è under35; il 79% ha tra i 35 e i 54 anni; il 75% ha più di 55 anni. Più diversificata invece la risposta in base alle aree geografiche. Tra i favorevoli allo smart working ben l'88% al Nordovest e l'87% al Sud; seguono, il 72% al Nordest, il 67% al Centro e solo il 65% nelle Isole. 

Il sondaggio, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne per sesso, età, regione, classe d'ampiezza demografica dei comuni, è stato realizzato il 6 aprile 2021 con il metodo della rilevazione telematica su panel, su un campione di 1.487 casi (universo: popolazione italiana maggiorenne) e presenta un intervallo fiduciario positivo/negativo del 2,3%. Totale contatti: 2.000, tasso di risposta 74%; rifiuti/sostituzioni 513 (tasso di rifiuti 26%).