Covid Italia, Ravecca (Federfranchising): "Delusi e arrabbiati da dl sostegni, adesso subito piano per riaperture" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Covid Italia, Ravecca (Federfranchising): "Delusi e arrabbiati da dl sostegni, adesso subito piano per riaperture"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Siamo profondamente delusi e arrabbiati, le imprese hanno bisogno di un urgente e congruo sostegno. Bisogna riaprire subito le attività commerciali e serve un piano per farlo in sicurezza". E' l'allarme che lancia Alessandro Ravecca, presidente di Federfranchising Confesercenti, commentando, con Adnkronos/Labitalia, le misure contenute nel dl sostegni.  

Le attività commerciali, ribadisce Ravecca, sono stremate. "Da dicembre 2020 ad oggi i ristori e sostegni sono stati pochissimi, ci vuole un cambio radicale di passo -sottolinea- e deve andare insieme ai decreti legge. Sono mesi che denunciamo la situazione non poco e meno difficile anche dei centri commerciali, che rispetto ad un negozio che si trova nel centro città in media è stato chiuso circa quaranta giorni in più. Questo non va bene e non capiamo ancora oggi quali sono le motivazioni", sottolinea il presidente dell'associazione che rappresenta franchisor, franchisee e operatori nel mondo del retail. 

E Ravecca sottolinea che per comprendere l’amarezza delle imprese occorre tradurre il decreto in cifre concrete. "Chi ha fatturato 100.000 euro nel 2019 e 50.000 euro nel 2020, dimezzando i propri ricavi -spiega Ravecca- riceve 2.500 euro. Chi ha fatturato 500.000 euro nel 2019 e 250.000 nel 2020, riceve 8.300 euro. Affitto, spese fisse, tasse, utenze, canoni, contributi e tutto il resto sono inalterati. Ma le attività sono chiuse, perché così hanno stabilito i decreti. Chiuse, quindi senza ricavi", ripete amaro il presidente di Federfranchising. E non sono solo i piccoli e medi negozi a soffrire. "Le grandi catene -sottolinea Ravecca- hanno gli stessi problemi delle altre attività commerciali: un'azienda che fattura 7 milioni di euro, riceverà solo 50 mila euro di ristori".  

E Ravecca ribadisce che "serve un piano chiaro e certo per la riapertura, in sicurezza, di tutte le attività commerciali. Bisogna riaprire subito". Anche perché, sottolinea Ravecca, "ci troviamo in una bolla finanziaria". "Non è stato riconosciuto il 60% di credito di imposta -sottolinea- sui canoni di locazione. Ciò significa che bisogna pagare i fitti per intero. Per fare un esempio pratico, un’azienda che paga un canone di locazione di 10 mila euro al mese e che ha ricevuto sostegni per 20 mila euro in base agli ultimi ristori ricevuti, può trovarsi a doverli utilizzare per intero in soli 2 mesi, ferme restando tutte le altre spese, a partire dalla tassa dell’immondizia". 

Per Ravecca, "nessuno riesce a pagare gli affitti, non è possibile pagare l’affitto senza liquidità!". "Sono tutte misure inutili. Nessuna catena è in grado di sostenere queste spese. Bisogna riaprire subito".  

"Ribadiamo senza mezzi termini: questi sostegni o aiutano davvero le aziende oppure che vengano investiti nella sanità, oppure per l’acquisto di nuovi vaccini per accelerare le vaccinazioni e permettere in modo rapido le riaperture”, conclude Ravecca.