Covid Italia, Confestetica: "Ricorso per aprire anche in zona rossa mentre medici estetici fanno botox" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Covid Italia, Confestetica: "Ricorso per aprire anche in zona rossa mentre medici estetici fanno botox"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Il governo ce l'ha con le imprese del settore estetico, visto che è stata disattesa una sentenza del Tar che sosteneva l'apertura dei centri estetici". Lo dice all'Adnkronos/Labitalia Roberto Papa, segretario nazionale Confestetica, associazione nazionale estetisti. "A gennaio - ricorda - il governo ha avuto la felice idea di chiudere i centri estetici, lasciando però aperti i parrucchieri; abbiamo fatto ricorso e abbiamo vinto. Nella sentenza c'è scritto che c'è stato un abuso di potere e che i relativi provvedimenti adottati dai tre dpcm sono illogici e immotivati". 

"Il mondo dell'estetica - sottolinea Papa - non va bene per il governo, così come non va bene il settore della ristorazione e dei maestri di sci. Perché se il presidente del Tar dice di riaprire i centri estetici, che sono servizi essenziali, non bisogna fare discriminazione tra una categoria e l'altra". 

"Con un secondo ricorso stiamo chiedendo di riaprire anche in zona rossa. Ci sono - rimarca - i medici estetici che sono aperti, così come il podologo e queste figure effettuano lo stesso tipo di attività che fa l'estetista. Stiamo, comunque, parlando di trattamenti estetici".  

"La Corte di giustizia, l'Agenzia delle entrate, il Mef e il ministero della Salute - elenca - hanno specificatamente scritto e bacchettato medici estetici dicendolo loro che alcuni trattamenti che fanno, come i botox, non sono sanitari e, quindi, ci si dovrebbe pagare l'Iva".  

"Inoltre - spiega Roberto Papa - i medici estetici hanno la licenza per fare trattamenti sanitari e non per fare trattamenti estetici. In Italia si contano 35mila centri estetici e circa 80mila persone occupate, di cui il 98,7% sono donne che devono fare i conti con ristori pari al 3-4% del fatturato".