Covid Italia, i Maîtres italiani: "Riaprire bar e ristoranti in sicurezza, accelerare su vaccini" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Covid Italia, i Maîtres italiani: "Riaprire bar e ristoranti in sicurezza, accelerare su vaccini"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Noi chiediamo di riaprire bar e ristoranti, ma di farlo in sicurezza, seguendo tutti i controlli possibili. E poi serviranno i controlli mirati, per evitare dopo di dover richiudere per pochissimi che non seguono i protocolli. Non ce lo possiamo permettere". E' l'appello al governo che arriva, intervistato da Adnkronos/Labitalia, da Silvio Pannace, vicepresidente di Amira, storica Associazione maîtres italiani ristoranti ed alberghi, nata nel 1955 nel ristorante Savini di Milano, e che rappresenta oltre 3.500 professionisti impegnati nel turismo e nella ristorazione, in Italia e all'estero.  

Secondo Pannace, quello che è fondamentale "è che si seguano scrupolosamente tutte le prescrizioni previste dal ministero e dagli organi competenti: i contagi sono ancora troppo alti". "E che ci siano gli adeguati controlli, perché lo scorso anno alla ripartenza tante aziende hanno fatto grossi investimenti per mettere tutto in regola e poi si sono trovati a dover richiudere per colpa di pochi scellerati che non hanno seguito le norme", aggiunge.  

La situazione per i professionisti del comparto, a causa della pandemia, è drammatica. "Io sento spesso i fiduciari della nostra associazione nelle diverse regioni e la situazione è drammatica: tantissimi colleghi -sottolinea Pannace- non hanno ancora ricevuto la cassa integrazione che gli spetta, tantissimi sono disoccupati e percepiscono solo la Naspi. C''è disperazione, specie tra i più giovani. Il governo deve intervenire subito con adeguati sostegni, il nostro settore è stato travolto dalla pandemia".  

La soluzione per l'associazione Amira sta nei vaccini. "Noi chiediamo -sottolinea Pannace- che si velocizzi la campagna vaccinale, è la strada per uscire da questa situazione. Dobbiamo mettere in sicurezza i più anziani, poi tutto andrà di conseguenza, e speriamo che arrivi presto il nostro turno. Ma non chiediamo corsie preferenziali, fino a quando non saremo vaccinati seguiremo tutte le prescrizioni per lavorare in sicurezza". 

E anche con le riaperture è necessario comunque continuare a sostenere i lavoratori del comparto. "Anche se bar e ristoranti riapriranno non potranno mai avere la stessa forza lavoro precedente alla pandemia, sarà al massimo del 30-50%. E quindi tutti i nostri colleghi e gli altri dipendenti non devono essere lasciati soli: servono ristori e sostegni veri e subito, non a parole", conclude.