1 maggio 2021, Landini: "Vaccinare e non licenziare" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
07
Mar, Dic

1 maggio 2021, Landini: "Vaccinare e non licenziare"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

1 maggio 2021, Landini: "Vaccinare e non licenziare"

 

Il blocco dei licenziamenti scade a giugno? "Vaccinare e non licenziare. Prima i lavoratori si sono fatti il mazzo e poi posso essere licenziati, giugno luglio e agosto devono essere i mesi per vaccinare". Lo dice Maurizio Landini, leader della Cgil, parlando a Terni, alle acciaierie Ast. "Basta lavoro precario, il lavoro deve essere dignitoso e permettere di vivere dignitosamente e partecipare alla vita di questo paese", aggiunge Landini.  

"Abbiamo chiesto al governo un tavolo sulla siderurgia, c'è bisogno di una politica industriale pubblica", afferma. "Servono - aggiunge - anche interventi privati, serve di poter produrre prodotti che non inquinino".