Renzi: "Conversioni europeiste, ieri Di Maio e domani Meloni?" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Lun, Ago

Renzi: "Conversioni europeiste, ieri Di Maio e domani Meloni?"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"A destra vedremo se e come recupereranno le divisioni ma certo che è divertente vedere la nuova conversione europeista. Tutti diventano europeisti: ieri Di Maio, oggi Salvini. Domani Meloni?". Lo scrive Matteo Renzi nella enews.  

"Questa mutazione del quadro politico può essere letta solo in un più ampio orizzonte europeo. Se la destra si europeizza è un bene e la grande famiglia dei popolari non potrà che contenere questo gruppo. Se la sinistra si coalizza intorno a Leu, Cinque Stelle e il Pd immagino che i socialisti europei potranno accogliere la neonata formazione", ragiona Renzi. "Noi di Italia Viva dovremo essere i promotori – non da soli – di quella che in Italia sarà la casa del buon senso, dei riformisti, di un mondo liberal-democratico che in Francia ha Emmanuel Macron, in Danimarca Margrethe Vestager, in Belgio Charles Michel, in Lussemburgo Xavier Bettel e tanti altri riferimenti nel mondo". 

"A sinistra - scrive ancora - è nato un intergruppo parlamentare tra Pd, Leu e Cinque Stelle. Mi spiace per i riformisti. E mi fa sorridere pensare che le decisioni della sinistra non vengano prese nei gazebo con le primarie ma sulla piattaforma Rousseau. Ma dobbiamo rispettare questa scelta dei nostri ex compagni di strada". 

"Ieri il Senato - spiega il leader Iv nell'enews - ha votato la fiducia a Mario Draghi, oggi toccherà alla Camera. Sintesi finale di una crisi che era nata al buio ma che ha portato molta luce nella politica italiana".  

"A Palazzo Chigi abbiamo uno degli uomini italiani più stimati al mondo. La destra si è divisa e una parte dei sovranisti è divenuta europeista. I soldi del Recovery Plan sono in buone mani e il principio che Draghi ha espresso è sacrosanto: ogni spreco è un torto alle nuove generazioni. Il Movimento Cinque Stelle si divide e una parte dei 'duri e puri' sarà espulsa. L’Italia è più forte sui tavoli internazionali, nella presidenza del G20, in Europa. La maggioranza parlamentare è ampia e non ci sarà bisogno di ricorrere ai Ciampolillo di turno. Abbiamo un Governo che mette al centro i nostri figli e non le nostre ambizioni. Solo a me sembra un grande passo in avanti?", chiede. 

"L’avvento di Draghi - assicura - è una svolta per il Governo ma produrrà una grande rivoluzione anche nella politica italiana. E noi saremo protagonisti del tentativo di europeizzare i partiti di casa nostra. Avanti tutta che il meglio deve ancora venire". 

Infine, la Leopolda 2021: "Ricordo a tutti l’appuntamento della Scuola di Formazione Politica 'Meritare l'Europa', che si terrà dall'1 al 3 settembre prossimi, a Ponte di Legno, rivolta ai ragazzi Under 30, e la Leopolda 11 di Novembre, che sarà proprio dedicata a 'Renew Europe'”, scrive Matteo Renzi.