Espulsioni M5S, Lannutti: "Faremo ricorso, decisione da vecchie dittature" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
05
Gio, Ago

Espulsioni M5S, Lannutti: "Faremo ricorso, decisione da vecchie dittature"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Elio Lannutti, tra i 15 senatori espulsi dal Movimento 5 Stelle che hanno votato no alla fiducia a Draghi, non ci sta e annuncia ricorso. “Non mi sento rispettato. Questa decisione ricorda vecchie dittature - afferma ai microfono di Radio Cusano Campus - .

Per un movimento basato sulla democrazia diretta, sulla trasparenza, sulla legalità, non è ammissibile che qualcuno su Facebook dica che sono espulsi 15 dissidenti".  

"Bisognerebbe vedere se aveva il potere di farlo - aggiunge - . Faremo ricorso contro questa decisione. Stiamo valutando - annuncia - anche di impugnare il quesito su Rousseau. È come chiedere: tu vuoi vivere o vuoi morire? Io non ho potuto rispettare la decisione degli iscritti perché uno come me che ha passato la vita a denunciare imbrogli e abusi non può accettare un quesito come minimo ingannevole".