Governo Draghi, Epifani: "Su blocco licenziamenti dovrà scegliere, inevitabile la proroga" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Mer, Ott

Governo Draghi, Epifani: "Su blocco licenziamenti dovrà scegliere, inevitabile la proroga"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Vaccinazioni, Recovery Plan e occupazione: sono queste le priorità da affrontare con il nuovo Governo, come spiega Guglielmo Epifani, deputato Leu, ad Adnkronos/Labitalia. E in tema di lavoro, aggiunge, "qualora fosse fatto venir meno il blocco dei licenziamenti, questo darebbe un'accelerata molto pesante alla disoccupazione". 

"Draghi dovrà scegliere -commenta Epifani- e sarà inevitabile rinnovare il blocco anche se non potrà essere ad libitum e bisognerà accompagnarlo con investimenti nella formazione e nella riqualificazione dei lavoratori". Epifani spiega che "il periodo più delicato del Governo sarà quello di qui a un anno, quando si cominceranno a sentire gli effetti del Pnrr e la pandemia sarà superata". "Il Recovery Plan -conclude l'ex segretario generale della Cgil- avrà un impatto sull'Italia per i prossimi 6-7 anni con una quota di investimenti pari a 30 miliardi l'anno ma gli effetti non si sentiranno subito".  

"Blocco dei licenziamenti selettivo? No, bisogna prorogare il blocco per tutti lavoratori" dice ancora Guglielmo Epifani. "Meglio la proroga del blocco per tutti i lavoratori -aggiunge- e nel frattempo bisogna dare vita a un sistema di riqualificazione dei lavoratori che rischiano il lavoro. Bisogna usare il blocco per pandemia per costruire un sistema di politiche attive". "Nella fase finale del precedente governo, le parti sociali, sindacati e associazioni imprenditoriali avevano cominciato a confrontarsi e a cercare soluzioni su ammortizzatori sociali e politiche attive del lavoro. Credo che quella strada vada ripresa: è bene che su questi temi ci sia un dialogo tra le parti sociali. Poi il governo metterà mano alla parte di sua competenza", spiega. 

"Intanto ci sono grandi crisi industriali da risolvere come Alitalia, ex Ilva, Whirlpool -sottolinea Epifani-, poi occorre tenere presente che quando si parla di formazione, si parla di una competenza che è delle Regioni. Quindi un ruolo di coordinamento importante può essere svolto dalla Conferenza delle regioni". C'è anche l'Anpal che potrebbe svolgere un ruolo importante, ma non con questa gestione. "Uno strumento pubblico che c'è -ammette Epifani- ma di cui andrebbe rivista la gestione e di cui andrebbe riformulata la missione, e che dovrebbe prima di tutto risolvere i problemi interni di organici e di precariato", conclude. (di Mariangela Pani)