M5S, Lezzi: "Non me ne vado, ricorso contro espulsione" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Ven, Lug

M5S, Lezzi: "Non me ne vado, ricorso contro espulsione"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Io voglio restare nel Movimento 5 Stelle, io amo il Movimento 5 Stelle. Non mi vedo da nessuna altra parte, continuerò a lavorare". Lo dice la senatrice M5S, Barbara Lezzi, a Mezz'ora in Più su Rai3. Lezzi, come gli altri senatori grillini che non hanno votato la fiducia al governo Draghi, sono stati colpiti dal provvedimento di espulsione.

"Io non esco, io ricorrerò, Io non voglio creare nessun'altro gruppo". E gli altri? "Cabras e qualcun altro forse voglio creare un altro. Io resisterò in tutti i luoghi e in tutte le sedi perchè io ritengo di essere un esponente dei 5 Stelle e intendo restarci. E voglio correre per il comitato direttivo", ha aggiunto. 

"Per me il voto su Rousseau è sacro e io non ho mai detto che il quesito fosse tendenzioso ma è la previsione che è stata inserita nel quesito che non si è avverata: non c'è la fusione tra il Mise e l'Ambiente. E poi non c'è la difesa di nessuna delle nostre battaglie: non abbiamo la Giustizia, l'Istruzione, il Lavoro", ha detto facendo riferimento alla consultazione online che ha approvato, con circa il 59%, il sì del Movimento al governo. "Per questo, a norma di Statuto, ho chiesto che si rifacesse la votazione, ho fatto una richiesta formale ma non ho avuto risposta".