Governo, Salvini da Draghi: "Chiusure mirate e ritorno alla vita" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mar, Ott

Governo, Salvini da Draghi: "Chiusure mirate e ritorno alla vita"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Matteo Salvini a colloquio da Mario Draghi. "Noi siamo per la tutela della salute, ma con interventi mirati e in questo c'è sintonia con il presidente Draghi e son contento.

Se c'è un problema in quella zona, in quella provincia, come ad esempio a Brescia, intervieni in provincia di Brescia, non è che fai il lockdown nazionale da Bolzano a Catania. Dunque chiusure mirate e un ritorno alla vita: se si può pranzare tranquilli, allora si può cenare tranquilli", spiega il leader della Lega lasciando Palazzo Chigi dopo aver visto il premier. 

"Per quel che mi riguarda palestre, impianti sportivi, oratori, istituti culturali - prosegue - possono tornare a operare garantendo salute e distanza. E chi non può operare deve essere rimborsato istantaneamente". A chi gli domanda se Draghi non sia dunque su una linea strettamente rigorista, "chiedetelo a lui - dice - io non mi permetto di mettere in bocca ad altri dichiarazioni. Ma penso che ci sia voglia di cambiamento anche da questo punto di vista. Certo attenzione, cautela, se ci sono terapie intensive occupate non si scherza con la salute della gente. Però alcune norme di buon senso, quelle sui ristoranti ad esempio mi sembrano palesi: se sono sicuri a pranzo, allora lo sono anche a cena. E poi alcune realtà iper controllate come le palestre piuttosto che i teatri, allora perché no?". 

Con il premier Mario Draghi, il leader della Lega Matteo Salvini ha parlato anche dell'accelerazione sul piano vaccinale. "Sì - risponde ai cronisti - e son contento che un ministro leghista come Giorgetti avrà un incontro a breve con le industrie farmaceutiche per pensare a una produzione italiana. Quando c'è di mezzo la salute non si guarda in faccia nessuno. Se si riescono a portare le aziende farmaceutiche a sostenere una produzione vaccinale italiana, non uso il termine sovranità, però non dover dipendere da altri mi lascerebbe tranquillo".  

Per produrli in Italia serve del tempo, "sì, ma almeno per due anni andiamo avanti, ci sarà il richiamo annuale - replica Salvini -. Dal momento in cui cominci con la produzione servono 4 mesi, se inizi a marzo vuol dire che per l'estate hai una produzione di vaccino fatto in Italia, dunque non dipendi da Bruxelles o dalla multinazionale X o Y". A chi infine gli chiede se l'incarico a Giorgetti preluda qualche problema per il super commissario Domenico Arcuri, "noi vogliamo dare il nostro contributo - risponde - il giudizio su Arcuri lo darà la Storia". 

"Sarebbe banale parlare di sottosegretari, è un compito che lascio a voi anche perché qualcuno non ha fatto i compiti...", continua Salvini. "Mi ha chiamato lui", risponde a chi gli domanda chi abbia voluto l'incontro. Sulla nomina del 'sottogoverno', "noi saremmo pronti a partire anche adesso, tra un minuto, ma altri hanno difficoltà". 

"Questa settimana, al ministero dello Sviluppo economico, ci sarà un incontro con le industrie farmaceutiche per ragionare di una produzione italiana, quindi della sovranità vaccinale per non dipendere dall'estero o dai contratti dell'Ue. Produrre in casa nostra per aiutare gli italiani", ha poi detto il segretario della Lega. "Meno voci diverse che vanno in tv ad allarmare e a impaurire gli italiani, meglio è per tutti. Ma su questo penso che presto ci sarà un cambiamento evidente", ha aggiunto. 

"C'è un enorme desiderio di ritorno alla vita, allo sport, alla socialità, alla scuola in presenza. All'interno del governo saremo la voce del ritorno alla vita. Io non parlo per Draghi, chiedete a lui. Dico solo che chiusure generalizzate, paure e allarmi, lasciamoli al 2020, ora siamo nel 2021", ha poi ribadito rispondendo alla domanda se il premier abbia prospettato la necessità di un nuovo lockdown.