Vaccino Covid Sputnik, Berlusconi e Salvini 'tifano' russo - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
05
Dom, Dic

Vaccino Covid Sputnik, Berlusconi e Salvini 'tifano' russo

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

''Secondo gli esperti il vaccino Sputnik funziona benissimo'' ma è ''in attesa dell'approvazione da parte delle autorità europee...''. Silvio Berlusconi tifa per il vaccino russo anti Covid. E forse, forte del profondo rapporto di amicizia con Vladimir Putin, prova a fare pressing sul governo Draghi e sull'Europa, perché dia l'ok allo Sputnik.

Il Cav è convinto che ''servono vaccini in Italia e bisogna somministrarli nelle zone dove il virus corre di più per fermarne l'espansione".  

In video collegamento via Zoom con i neo sottosegretari di Fi che oggi hanno giurato a palazzo Chigi, l'ex premier cita gli esempi di Israele e Gran Bretagna (''i contagi si possono fermare grazie ai vaccini") e spiega la sua strategia: "Ci sono due azioni da mettere in campo: predisporsi per realizzare, acquistando i brevetti e gli strumenti, il vaccino anche in Italia".  

"L'altra azione -sottolinea il presidente di Fi- riguarda l'approvazione del vaccino russo, chiamato Sputnik, che, secondo gli esperti, funziona benissimo, ma è in attesa dell'approvazione da parte delle autorità europee. Quando arriveranno, quando finalmente ci sarà anche quello di dovranno Johnson and Johnson, dovranno essere distribuiti rapidamente".  

Anche la Lega, sponsorizza lo Sputnik. O meglio, attraverso Matteo Salvini, chiede che l'Italia collabori con la Repubblica di San Marino che è pronta a mettere a disposizioni degli italiani dosi di vaccino, anche dalla Russia. ''Recuperiamo i ritardi e gli errori degli ultimi mesi, accettando la collaborazione di San Marino per ottenere dosi di vaccino (anche dalla Russia) - è l'invito del numero uno di via Bellerio- per mettere in sicurezza un'intera zona d'Italia, migliaia di persone che lavorano nella Repubblica o ci vivono vicino. Sarebbe un bellissimo segnale". 

Scrive Roberto Calderoli: ''Entro 48 ore gli Stati Uniti avranno 4 milioni di dosi del vaccino di Johnson&Johnson, che sta per sdoganare anche la Gran Bretagna, molti altri Stati stanno efficacemente utilizzando Sputnik, mentre noi europei, in un momento tragico, stiamo attendendo una decisione dell'Ema su Johnson&Johnson che dovrebbe arrivare intorno a metà marzo, dopo che a gennaio abbiamo atteso settimane rispetto agli inglesi e agli americani per avere gli ok per i vaccini Moderna e Astra Zeneca".  

"Non è pensabile -avverte il vicepresidente del Senato- che anche di fronte ai risultati tangibili in termini di calo di decessi e contagi ottenuti da chi ha uno stato avanzato di vaccinazioni come Gran Bretagna e Israele, dover attendere ancora per il via libera dell'Ema".