Dimissioni Zingaretti, solo pochi fedelissimi sapevano - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mar, Ott

Dimissioni Zingaretti, solo pochi fedelissimi sapevano

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Nicola Zingaretti, a quanto apprende l'Adnkronos, aveva anticipato le sue intenzioni di dimettersi solo a pochi intimi al Nazareno. Solo i fedelissimi sapevano. Una decisione, si spiega, frutto di un'esasperazione verso lo stillicidio quotidiano delle ultime settimane. E di fronte al logorio interno, il segretario avrebbe deciso di dire basta, di rompere "un assedio ingeneroso", di uscire da una "morsa" divenuta insopportabile.  

Che sia io o un altro il segretario del Pd, non è questo il punto, ma ora tutti sono messi davanti alle loro responsabilità'ì, sarebbe stato il ragionamento, a quanto si riferisce. Il re è nudo. Quindi sono confermate le dimissioni che il segretario presenterà alla presidente dell'assemblea dem, Valentina Cuppi, come da Statuto. La mossa di Zingaretti, si assicura, non è stata una giocata di poker, una strategia per farsi riconfermare. "Nicola non ne vuole più sapere".  

Ma tra i suoi si spera che la mossa del segretario suoni la sveglia a tutti e che l'assemblea lo rielegga. Del resto, si stanno moltiplicando le dichiarazioni in questo senso. Da Dario Franceschini: "Abbiamo sulle spalle non solo il destino del Pd ma una responsabilità più grande nei confronti di un Paese in piena pandemia. Il gesto di Nicola Zingaretti impone a tutti di accantonare ogni conflittualità interna, ricomponendo una unità vera del partito attorno alla sua guida". A Luigi Zanda che auspica l'assemblea respinga all'unanimità le dimissioni del segretario.  

E poi ancora Andrea Orlando: "Occorre chiedere a Zingaretti unitariamente di ripensare la sua decisione. Il Pd in un momento così difficile ha bisogno di un riferimento affidabile per affrontare le sfide della fase che abbiamo di fronte". E quindi Goffredo Bettini: "La decisione di Nicola Zingaretti mi addolora. Ne comprendo le ragioni. Spero ci sia lo spazio per un ripensamento. Il Partito Democratico ha bisogno della sua onestà, passione e intelligenza politica".  

E anche dall'area Fianco a Fianco arriva il sostegno con Graziano Delrio: "In un momento così grave e difficile per il Paese il Pd ha bisogno che Nicola, che ha sempre ascoltato tutti, rimanga alla guida del partito. Il dibattito interno è fisiologico e non deve essere esasperato. Ritroviamo insieme la strada".  

Mentre, al momento, sono ancora silenti Base Riformista e l'area di Matteo Orfini tra le più critiche in queste settimane con Zingaretti e in prima linea nel chiedere il congresso anticipato. Sarebbero in corso delle riflessioni per valutare come reagire a una mossa, quella del segretario, che con l'annuncio via Facebook di oggi ha letteralmente colto di sorpresa tutti spiazzando dirigenti e parlamentari dem.