Dimissioni Zingaretti, Delrio: "Logorare il segretario non ha senso" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
31
Sab, Lug

Dimissioni Zingaretti, Delrio: "Logorare il segretario non ha senso"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Dimissioni di Zingaretti? Nel Pd "ci sono state tante discussioni, nel passato, tante scissioni, questa volta hanno pesato le tante indiscrezioni finite sui giornali, la discussione interna al Pd fa bene, non mi pare che nessuno abbia messo in discussione che debba avvenire con Nicola alla guida".

Così Graziano Delrio, capogruppo del Pd alla Camera, a Radio Immagina. "Non ha senso logorare il segretario, collaborare sempre, anche quando la segreteria non è quella che ci aspettiamo, Cuperlo, ad esempio, non ha mai fatto scissioni, ha sempre discusso", spiega poi il dem riferendosi all'opposizione di sinistra nel partito. "Spero che la sua amarezza rientri, le sue parole non vanno sottovalutate, ma lui è il primo a capire che il momento è grave per il paese, l'agenda Draghi è importante per il Pd".  

"Spero che ci sia altra riflessione, resti alla guida, abbiamo bisogno di lui e di continuare a discutere insieme a lui, c'è bisogno di più politica", continua Delrio, che a proposito del governo Draghi dice: "Mai detto che mi fidavo politicamente da Salvini, ho detto che va giudicato dagli atti che fa".  

"Se ci sono evoluzioni in senso democratico - aggiunge - sono contento, perché migliora la democrazia italiana". "Non credo che neanche Bonaccini abbia voluto strizzare l'occhio a Salvini, né credo che questo governo abbia una propensione a svoltare a destra, l'agenda Draghi è la nostra agenda, il suo programma è fortemente orientato ai nostri principi, a una cultura liberale e socialista", conclude il capogruppo dem a Montecitorio.