Amministrative, Meloni: "Riunire tavolo centrodestra, no a lotteria nomi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mar, Ott

Amministrative, Meloni: "Riunire tavolo centrodestra, no a lotteria nomi"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

(Fan/Adnkronos) 

"Chiediamo di riunire il tavolo del centrodestra per decidere che strada percorrere senza favorire gli avversari con la lotteria dei nomi e delle coalizioni. Per Fratelli d'Italia la strada maestra è di restare uniti e condividere il percorso sulla scelta della data delle amministrative, dei programmi e dei candidati. Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, interpellata dall'Adnkronos sulle elezioni amministrative.  

A Roma come a Napoli e Milano "abbiamo in questi mesi acquisito disponibilità di rilievo ma invece di aprire il confronto sulla stampa proponiamo la strada della condivisione in un tavolo specifico". "Catello Maresca? È una personalità di livello e la sua proposta è molto interessante. In campo ci sono varie opzioni che potrebbero rivelarsi competitive e vincenti, come quella di Sergio Rastrelli, professionista autorevole e da sempre impegnato per la legalità e al fianco delle Forze dell'Ordine. Le valuteremo insieme agli alleati quando ci ritroveremo. Certo parlare delle migliori candidature e poi tenere al governo di Roma la Raggi, di Milano Sala o di Napoli De Magistris ancora per molti mesi è un controsenso".  

Sull'eventualità di non presentare simboli di partito alle amministrative di Napoli, oggi non esclusa dal leader della Lega Salvini, la Meloni ha spiegato che "ogni partito può e deve valutare liberamente se ritiene che il proprio simbolo possa essere per la coalizione un valore aggiunto o fare scelte differenti. Noi non abbiamo dubbi su quello di Fratelli d’Italia: saremo in campo con le nostre liste e il nostro simbolo".  

In ogni caso "nelle città in cui si andrà al voto l'unità del centrodestra è una precondizione per avere la possibilità di restituire alla città un buon governo. Lo è certamente per noi e lo deve essere per chi ha Pd e M5S come momentanei alleati di governo", conclude la leader di Fdi.