Vaccino covid, Bonaccini: "Governo pensi a fare arrivare dosi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Dom, Ago

Vaccino covid, Bonaccini: "Governo pensi a fare arrivare dosi"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

''Il Governo pensi a fare arrivare le dosi" anti-covid "e pretenda dalle regioni che facciano le cose al meglio". Così il governatore della Regione Emilia Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini ospite di 'Omnibus' su La7. "Il richiamo di Draghi a fare di tutto perché si faccia al meglio e più rapidamente possibile è un richiamo giusto ha aggiunto - bisogna evitare di generalizzare e se in qualche realtà c'è qualche difficolta va risolta. Se avessimo avuto più dosi avremmo avuto più vaccinati''.  

Per Bonaccini però è stato un ''errore'' vaccinare gli avvocati e i magistrati: "Siamo persone, possiamo sbagliare. Davanti ad una evidenza l'importante è riconoscerla e intervenire per correggere''. 

Lobby? ''Dobbiamo riferirlo alle multinazionali che hanno avuto un comportamento vergognoso. Hanno sottoscritto un contratto con l'Unione europea per i vaccini, i paese membri hanno messo anche risorse pubbliche per la ricerca, e fino ad oggi sono arrivati tagli e non più forniture. In questo Draghi è stato esemplare: bisogna fare la voce dura ma anche ottenere ciò che è dovuto'', ha detto ancora Bonaccini aggiungendo: ''Ieri sera nella mia Regione abbiamo completato 20mila vaccinazioni, noi potremmo farne molte di più. A noi non è mancata l'organizzazione ma sono mancate le dosi''.  

A proposito del Recovery, ''oltre 200 miliardi di euro sono un'occasione storica per provare a far ripartire questo paese. Ci vuole un concorso tra Governo e territori, finora il confronto è stato un po' latente, c'è stata anche la caduta del Governo e l'insediamento del nuovo. La prossima settimana avremo un incontro con il Governo per entrare nel merito. Nessun Governo da solo senza i territori riesce a mettere a terra in pochi anni oltre 200 miliardi di euro''.