Italia zona rossa, Sileri: "Dopo Pasqua le cose andranno meglio' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mar, Ott

Italia zona rossa, Sileri: "Dopo Pasqua le cose andranno meglio'

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Tutta Italia in zona rossa a Pasqua, ma "dopo le cose andranno meglio". Ne è convinto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, secondo il quale per ora "il Governo si è preso il rischio di riaprire la scuola, ma andando avanti con le vaccinazioni prenderemo altri rischi, moderati, molto bassi, che vuol dire che si procederà con altre aperture". 

A maggio, ha aggiunto nel suo intervento su Rtl 102.5 a 'Non Stop News', "sarà meglio innanzitutto perché avremo un numero importante di cittadini che hanno ricevuto la prima e molti la seconda dose. In più arriva il vaccino migliore per questo virus che è la bella stagione, lo abbiamo già visto lo scorso anno. Perché non dobbiamo credere di poter vivere quello che sta vivendo oggi l'Inghilterra, e cioè riprenderci la nostra libertà? Avremo un'estate con un po' di normalità", è convinto Sileri. 

 

Sileri è poi parlato della "riluttanza della popolazione in generale verso il vaccino", sostenendo che "è comprensibile e giusta, chi non è medico può avere dei dubbi e il nostro compito è quello di spiegare". Ma "non è comprensibile per quelli che hanno studiato anni alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, e se questi sono riluttanti vuol dire che i genitori hanno buttato via i loro soldi per farli studiare. Gli operatori sanitari che rifiutano il vaccino non credono nei fondamenti della medicina".  

Sileri ha ricordato che "la ricerca per il vaccino è stata fatta velocemente, ma non vuol dire che non sia una buona ricerca. I fondi sono stati tanti, i risultati sono validi. Non bisogna aver paura del vaccino - ha sottolineato il sottosegretario e medico - Non si sa quanto dura, non possiamo saperlo con certezza, un anno o 2 anni, magari dovranno essere fatti dei richiami, ma è quello che abbiamo, è un'arma di difesa" e al massimo "vorrà dire che il prossimo anno dovremo rivaccinarci. E' vero però che se raggiungiamo l'immunità di gregge il virus circola meno, e si creano meno varianti o il virus si modifica verso una variante molto più semplice. Magari non servirà più il vaccino".