Salvini: "Orban amico Italia, ma quale fascismo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Lug

Salvini: "Orban amico Italia, ma quale fascismo"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Matteo Salvini risponde alle critiche sull'incontro con il premier ungherese Viktor Orban e il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki e attacca il Partito Democratico.  

"A Budapest per formare una ultradestra europea? Ma no, sono andato a parlare di vaccini", dice il leader della Lega, ospite dell'Aria che tira su La7. "Ma quale fascismo, quale populismo e nazismo in giro - replica - la politica oggi deve badare al sodo, alla salute, al lavoro e alla scuola dei ragazzi, quelli che rompono le balle, con il razzismo e con il fascismo, non hanno capito niente". 

Orban e Morawiecki "sono due premier, amici dell'Italia, ma alcuni politici del Pd e di altre forze, hanno usato parole disgustose e razziste, nei loro confronti", aggiunge Salvini. "C'è - spiega - un rapporto commerciale solido, con l'Italia, ogni giorno, ad esempio in Ungheria, apre un'azienda italiana, perché ci sono tassazioni basse".