Sgarbi a Filograna: "Io senza mascherina perché ho avuto virus e ho cancro" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
03
Mar, Ago

Sgarbi a Filograna: "Io senza mascherina perché ho avuto virus e ho cancro"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Primo, il dpcm non lo prevede all'aperto; secondo io ho avuto il covid e sono immunizzato, terzo ho il cancro. Quindi, fine. Filograna usa il cervello per pura propaganda". Vittorio Sgarbi risponde così all'Adnkronos replicando seccamente alle dichiarazioni del presidente del Movimento autonomi e partite Iva, Eugenio Filograna, che ha criticato la sua partecipazione alla manifestazione delle partite Iva di ieri sera sia sotto il profilo dei contenuti che per il fatto di non portare la mascherina. 

"Io ho il cancro e il medico mi ha prescritto di non metterla e ho avuto il covid - puntualizza il deputato- E' ora di finirla di portare le mascherine se hai fatto il vaccino o se hai gli anticorpi!". Sulla sua partecipazione alla manifestazione, Sgarbi sottolinea: "Sono andato lì perché me lo hanno chiesto alcuni dei suoi e Radio Radio, e lui se l'è presa perché secondo lui io avrei dovuto aderire alle partite Iva. Ma roba da pazzi, è fulminato", dice ancora. 

"Io sono una partita Iva che ha perso una quantità enorme di buon guadagno, quindi sono con le partite Iva, ma le partite Iva sono le partite Iva. Un partito, nonostante l'assonanza, è un'altra cosa", aggiunge poi Sgarbi. "Io dunque vado per generosità, e sono un uomo malato -incalza il deputato- Non ho creato nessun pericolo, caro senatore Filograna". Sgarbi poi incalza: "Le partite Iva decideranno quello di fare quello che vogliono, ma occorre che stiano attenti a stare con chi usa la testa e non ha paura. Chi ha paura non può protestare in piazza, fingendo che io sia un rischio. Il rischio che io sono, sono le mie idee, la mia libertà, il fatto di non piegare la testa a un governo che vuole che io porti la mascherina anche se non corro e non faccio correre rischi". Infine, un'ultima esortazione: "Liberatevi della retorica, della finzione e dei bugiardi. Se siete guariti, vaccinati o all'aperto state senza mascherina, il resto è retorica e finzione", conclude.