Di Battista vs Figliuolo: "Sembra usi pendolino di Maurizio Mosca" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Di Battista vs Figliuolo: "Sembra usi pendolino di Maurizio Mosca"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Alessandro Di Battista contro le 'previsioni' su vaccini e contagi in Italia del commissario all'emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo. "La Commissione europea ha firmato contratti svantaggiosi con Big Pharma ma se ne parla poco. Certamente se ne parla infinitamente meno dell'affaire 'poltonesofa' tra Erdogan e Von der Leyen, massima responsabile dell'approvvigionamento vaccinale in Europa. Dalle nostre parti il generale Figliuolo sbaglia previsioni su previsioni. Dà l'idea che utilizzi il pendolino del compianto Maurizio Mosca per fare i 'pronostici'. Eppure si parla più della sua divisa che delle sue, errate, valutazioni", scrive su Facebook l'ex deputato M5S.  

"In tutto ciò -incalza- il governo dell'assembramento, ad oggi, non ha messo un solo nuovo euro a sostegno dei più colpiti dalle restrizioni. Se oggi stesso facesse il suo primo scostamento di bilancio (servono più di 50 miliardi) sarebbe comunque tardi. La libera informazione latita. Il santo, l'apostolo, il nuovo messia va protetto affinché lui possa proteggere chi di dovere. I Benetton che divennero i padroni delle nostre autostrade quando lui era direttore generale del Tesoro nonché ultras delle privatizzazioni. Gli agglomerati bancari o editoriali (sempre più simili tra loro). La classe media boccheggia, le piccole e medie imprese chiudono ma si parla più di Pil che di redistribuzione. I ricchi sono sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri e più numerosi", conclude Di Battista.