Covid, Mattarella: "Ciascuno di noi dipende da tutti gli altri" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Sab, Ott

Covid, Mattarella: "Ciascuno di noi dipende da tutti gli altri"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Il contributo "che è stato espresso e continua ad esprimersi con i suoi specifici caratteri e valori dall'Università Cattolica del Sacro cuore alla vita della nostra comunità nazionale, ha manifestato che si avverte questo senso di comunità, che il nostro Paese ha visto ribadito con forza nella sua fondamentale importanza durante l'emergenza della pandemia, che ci ha ricordato come ciascuno di noi dipenda fortemente da tutti gli altri". Ad affermarlo il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo in videocollegamento all'inaugurazione del centesimo anno accademico dell'Università Cattolica del Sacro cuore. 

"Celebriamo questa ricorrenza -ha ricordato il Capo dello Stato- in una condizione particolare, che condiziona fortemente lo svolgimento degli incontri, ma che consente di mantenerne inalterato il significato e tutto il valore. Vorrei associarmi al ricordo di coloro che nell'ambito dell'Università Cattolica del Sacro cuore -maestri, colleghi del corpo docente, amici dell'Ateneo- sono rimasti vittime del Covid. E vorrei manifestare l'apprezzamento per l'Università per aver mantenuto la sua funzionalità attenuando così le restrizioni e le privazioni che gli studenti hanno subito durante questa lunga emergenza". 

Mattarella ha quindi ricordato l'"opera del Policlinico Gemelli, l'impegno che dai docenti più noti ai giovanissimi specializzandi, agli infermieri è stato spiegato in questa emergenza. Tutto questo rientra in quella che potremmo chiamare la missione sociale e civile di tutte le realtà e le presenze che nel nostro Paese contribuiscono con qualunque segno ed ispirazione al bene comune. Particolarmente quelle che, essendo orientate alla formazione dell'homo civicus, danno un'impronta al futuro del nostro Paese, rammentando che questi caratteri dell'homo civicus sono italiani ed europei, mantenendo quell'apertura che ha sempre contrassegnato questo ateneo".