Riaperture, Salvini: "Ora cancellare il coprifuoco delle 22" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Gio, Ott

Riaperture, Salvini: "Ora cancellare il coprifuoco delle 22"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Riaperture? Il prossimo obiettivo della Lega resta quello di cancellare il coprifuoco alle 22 e di anticipare l'apertura dei locali anche al chiuso. A dirlo sui canali social è il leader della Lega Matteo Salvini. "Raddoppio soldi per Partite Iva e imprese, da 20 a 40 mld. Fatto. Riapertura bar, ristoranti, attività sportive, economiche e culturali all’aperto entro aprile. Fatto. Prossimi obiettivi: anticipare riaperture al chiuso e cancellare il coprifuoco delle 22. Avanti, non si molla", scrive. 

Le riaperture, spiegava ieri Salvini dopo l'annuncio di Draghi in conferenza stampa, "non sono vittorie della Lega, ma del buonsenso". Del resto "erano richieste dei sindaci e dei governatori di tutti i partiti". E dunque "se tutto va come deve andare, il 26 aprile ci sarà un raddoppio della Liberazione". 

"Visto che la vita all’aperto comporta un rischio contenuto, anche il limite di orario delle 22 conto che possa essere rivisto", aveva detto ancora, avvertendo: "Fatemi chiedere una cosa alla volta perché altrimenti Speranza poi fa sciopero". "Di coprifuoco - spiegava Salvini- si parlerà in Consiglio dei ministri; intanto per queste 48 ore mi porto a casa, anzi offro al Paese i 40 miliardi cash per le imprese e le riaperture per le zone fuori dal rischio pandemico". 

"In base ai dati emersi, due terzi del Paese potrebbero riaprire, ma per prudenza si preferisce attendere qualche giorno", continuava il leader del Carroccio. "Si tratta - spiegava Salvini - del giusto riconoscimento alla dignità e alla educazione del popolo italiano, fra cui ci sono anche i lavoratori autonomi".