Coprifuoco e riaperture, Orlando: "Da Lega atto irresponsabile" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Dom, Ago

Coprifuoco e riaperture, Orlando: "Da Lega atto irresponsabile"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

L'astensione della Lega, ieri in Cdm, sul nuovo decreto covid per divergenze sul coprifuoco alle 22 e lo schema delle riaperture dal 26 aprile è "un atto incomprensibile e irresponsabile in questo momento. Poche ore prima condividi un accordo, poi dici che non ha senso, poi spari e poi ti astieni. Si tratta di una posizione che non è all'altezza di questo momento", ha detto il ministro Andrea Orlando a Omnibus, a proposito del Cdm. 

"Questo continuo alternarsi, ultimatum e passi avanti e indietro, non aiuta l'Italia in questo passaggio delicato. E' una contraddizione che esplode, ma non si può fare ogni giorno la forza di governo e di opposizione", ha aggiunto il ministro del Lavoro spiegando: "La delegazione della Lega ieri mi è parsa in evidente difficoltà". 

Il ministro interviene poi sul video di Grillo nel quale il fondatore M5S difende il figlio accusato di stupro: "Non mi piaceva quando faceva il Pm, figuriamoci da avvocato. I processi per via mediatica sono una aberrazione, ma non mi pare non siano arrivate parole chiare dal Pd".  

"Il percorso di alleanza con il M5s è complicato, ci sono ancora dei tratti populisti che in qualche modo conoscevamo. Proprio per questo dobbiamo fare in modo che l'alleanza si consolidi, perché emergano questi tratti e vengano isolati -ha spiegato il ministro del Lavoro-. Il M5s è cambiato in questi mesi grazie all'alleanza con il Pd, deve cambiare di più, questa è la sfida". Orlando ha proseguito: "Conte deve iniziare a guidare il M5s, non sta a me dirlo ma mi pare ci sia stata una decisione. Non possiamo che attendere, per dare un giudizio, che questo fatto avvenga. Non mi pare che conte sia effettivamente sceso in campo".