Coprifuoco e riaperture, Letta: "Salvini decida se è al governo o no" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Ven, Lug

Coprifuoco e riaperture, Letta: "Salvini decida se è al governo o no"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"La Lega di Salvini deve decidere una volta per tutte se sta al governo o se sta all’opposizione: stare in entrambi è impossibile, evidentemente". Così il segretario del Pd Enrico Letta, oggi in un intervento sul Corriere della Sera dove commenta le tensioni con il Carroccio sul coprifuoco alle 22 e le riaperture del 26 aprile ieri in Cdm e lancia l'idea di "un Patto per la ricostruzione".  

"La parola 'riaperture' è la più abusata in questi giorni. Riaperture in sicurezza e irreversibili, meglio specificare, considerata la situazione sanitaria ancora precaria e le tensioni conflagrate ieri in Consiglio dei ministri intorno al coprifuoco, col dietrofront poco serio della Lega. Tuttavia, oltre (e in parallelo) alle riaperture, è tempo di mettere al centro del dibattito pubblico, e delle decisioni della politica, anche la parola 'ricostruzione'", spiega Enrico Letta. 

"Non è, però, più sufficiente solo aggiustare, tamponare, ristorare. Si tratta ora di cominciare a scrivere, condividere e rendere operativo sui territori un grande Patto per la ricostruzione del Paese", scrive Letta che prosegue: "Il modello per noi è quello dell’accordo voluto da Ciampi nel luglio ‘93. Segnò una svolta nella storia economica del Paese, con imprese e lavoratori protagonisti della ripresa". 

Il segretario del Pd parla di "un Patto per la Ricostruzione - elaborato dal governo con tutte le parti sociali, con il coinvolgimento fattivo dei sistemi territoriali e con il sostegno genuino delle forze politiche - può essere l’occasione per potenziare quel che sin qui è stato insufficiente, poco chiaro, farraginoso".