Roma, Calenda: "Io in campo, convinto di arrivare a ballottaggio" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mar, Ott

Roma, Calenda: "Io in campo, convinto di arrivare a ballottaggio"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Per la carica di sindaco di Roma, "non c'è ancora nessun candidato ufficiale della destra e della sinistra. Roma è la Capitale d'Italia. Ci pare una cosa normale?". Se lo chiede Carlo Calenda, ospite di 'Omnibus' su La7, parlando delle prossime elezioni comunali, che lo vedono in campo per la corsa al Campidoglio. "Non riesco a capire cosa succede a destra e a sinistra. Io ci sono, se i romani mi votano, bene, altrimenti verranno votati gli altri", ribadisce, dicendosi "convinto di arrivare al ballottaggio altrimenti non correrei''.