Recovery Plan e Sud, De Luca contro Draghi - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Sab, Ott

Recovery Plan e Sud, De Luca contro Draghi

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Sul Recovery Plan dell'Italia e sulle risorse per il Sud arriva la reazione immediata di Vincenzo De Luca. "Ho ascoltato la replica del presidente Draghi relativa alle risorse per il Sud. Ho tirato un sospiro di sollievo quando il presidente ha terminato questa parte del suo intervento. Se fosse andato avanti per qualche altro minuto, avremmo appreso che il Sud deve restituire qualche centinaio di miliardi al resto del Paese", dice il presidente della Regione Campania.  

"Nessun riferimento -aggiunge De Luca- al divario di spesa storica. E anche la colpa di non saper progettare e spendere. Nessuna analisi differenziata fra i diversi territori e istituzioni nel Sud, dove si ritrovano certamente aree di clamorosa inefficienza, e tollerate colpevolmente per anni dai governi centrali, ma anche realtà e classi dirigenti impegnate, in condizioni di pesante disparità, nella sfida dell'efficienza, dello sviluppo, della legalità e della sburocratizzazione", sottolinea De Luca.  

"Si prova una sensazione di profondo disagio -dice ancora il governatore campano-. Avremo modo di spiegare la storia e la realtà concreta e viva del Mezzogiorno e della sua gente, il più delle volte occultata dietro furbesche ed astratte letture contabili. Quanto ai consulenti offerti generosamente al Sud, vista l’esperienza fatta, dovremmo considerarla una chiara minaccia".