Migranti, Salvini scrive a Draghi: "Troppi sbarchi" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
05
Dom, Dic

Migranti, Salvini scrive a Draghi: "Troppi sbarchi"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Migranti, Salvini scrive a Draghi: "Troppi sbarchi"

 

"Abbiamo scritto al Presidente Draghi e ai ministeri della Salute e degli Interni: oltre a controllare chi arriva in aereo dai Paesi a rischio, fra Covid e varianti, è doveroso anche bloccare barchini e barconi per rispetto degli Italiani, dei loro sacrifici, della loro salute, della loro sicurezza. Non si può fare nulla? Falso". Matteo Salvini, leader della Lega, si esprime così su Facebook dopo le notizie relative alla serie di sbarchi avvenuti a Lampedusa. Sull'isola, nelle ultime 24 ore, sono arrivati poco meno di 700 migranti. "Io in un anno ho ridotto dell’80% gli sbarchi e sto subendo due processi per aver difeso i confini. E con meno partenze, ci sono anche meno morti. Volere è potere", conclude il leader della Lega. 

“Oltre 700 sbarchi a Lampedusa e due Ong che battono bandiera norvegese e tedesca che fanno rotta verso l’Italia, il tutto in poche ore. La situazione è molto preoccupante e ora diventa prioritario affrontare il flusso dei migranti dalla Libia e dalla Tunisia, per rispetto dell’Italia e per la sicurezza degli Italiani", dice in una nota in una nota Nicola Molteni, sottosegretario all’Interno. "Contrastare scafisti, trafficanti e organizzazioni criminali è un dovere dell’esecutivo, nell’indifferente silenzio della Ue. È necessario un confronto immediato con il capo del governo", aggiunge l'esponente del Carroccio.