Scuola, Bianchi: "Ritorno in presenza e in sicurezza il prima possibile" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Dom, Nov

Scuola, Bianchi: "Ritorno in presenza e in sicurezza il prima possibile"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Con tutta Italia in zona rossa e in zona arancione, per via del decreto di Pasqua entrato in vigore il 15 marzo, sono quasi 7 milioni di studenti, cioè 8 su 10, seguono le lezioni da casa. E per il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi "chiudere è stato un atto di responsabilità del governo".

"Bisogna essere ancorati alla realtà: le scuole del primo ciclo le abbiamo tenute aperte fino allo stremo, anzi le scuole non hanno mai chiuso. Abbiamo tenuto i piccoli in presenza fino a che è stato chiaro che questo virus poteva colpire anche loro. Stiamo lavorando per riportarli in presenza il prima possibile in sicurezza", ha affermato a 'Unomattina' su Rai 1.  

"Non è stata una decisione a cuor leggero - ha sottolineato Bianchi - ma l'abbiamo fatta con senso di responsabilità e con tutto il supporto tecnico che ci è stato offerto in questa situazione per prendere scelte motivate e ragionevoli. Ma scelte in cui tutto il Paese deve essere presente: sappiamo tutto di quanto si sta soffrendo, però deve essere una sofferenza collettiva e su questo stiamo lavorando tutti". 

VIRUS CAMBIATO 

Bianchi ha evidenziato che "questa non è la terza puntata della storia, è una storia nuova: il virus è cambiato, è la variante inglese e questa colpisce i bambini, non li esclude com'era nel primo giro. Sono a rischio i nostri figli e nipoti: quindi con grandissima difficoltà, ma con grande responsabilità, abbiamo dovuto mettere quest'altra bandiera rossa. C'è un pericolo e lo affronteremo tutti insieme". 

DIDATTICA A DISTANZA 

Il ministro ricorda che "in questo anno i nostri insegnanti hanno lavorato moltissimo. Hanno fatto tantissime esperienze. La Dad non è quella dell'anno scorso, ci sono molte esperienze e noi diffonderemo le buone esperienze di questo periodo per dimostrare che i nostri insegnanti hanno sempre tenuto la porta aperta e il contatto con i loro ragazzi". "La scuola è in presenza per definizione ma non è stata ferma, i nostri insegnanti non sono stati fermi. Ci vuole fiducia nella scuola e negli insegnanti. È un elemento importantissimo. - ha sottolineato Bianchi - Dobbiamo aiutare i nostri ragazzi a superare questo periodo ed elaborarlo. Stiamo lavorando per aiutare le famiglie e dare più strumenti per ampliare l'offerta didattica e fare un ponte tra quest'anno e il prossimo".  

MATURITÀ 

Quanto alla maturità, sarà un "esame non all'acqua di rose né di emergenza: gli studenti avranno modo di testimoniare come sono cresciuti come persone in questo ciclo di studi. Abbiamo fatto un passaggio in avanti, un esame di maturità vero e pieno".