AstraZeneca e trombosi, Aifa: no segnali rischio per vaccino Pfizer e Moderna - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
05
Mer, Mag

AstraZeneca e trombosi, Aifa: no segnali rischio per vaccino Pfizer e Moderna

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

 "Per i vaccini a mRna" contro il covid, come quelli di Pfizer/BioNTech e di Moderna, "al momento non sono stati identificati analoghi segnali di rischio" di trombosi rare. Dopo le news arrivate dall'Ema e la raccomandazione in Italia sull'uso di AstraZeneca per gli over 60, la Commissione tecnico scientifica dell'Agenzia italiana del farmaco Aifa, nell'allegato alla circolare con cui il ministero della Salute aggiorna le indicazioni per l'uso del vaccino AstraZeneca, fa riferimento anche agli altri farmaci. 

Anche per quanto riguarda gli antri vaccini anti-Covid "che utilizzano piattaforme vaccinali virali", per esempio quello di Janssen (Johnson & Johnson), "non è ancora possibile esprimere un giudizio" sul rischio di trombosi rare, si legge ancora. 

Quanto ad Astrazeneca, la Commissione puntualizza che "alla luce dei dati attualmente disponibili, non è possibile esprimere raccomandazioni circa l'individuazione di specifici fattori di rischio" che potrebbero predisporre a trombosi rare dopo vaccinazione anti-Covid con il prodotto di AstraZeneca, "e nel contempo non sono identificabili trattamenti preventivi dei suddetti episodi trombotici".