Covid Lombardia, "quasi 900 persone in terapia intensiva" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
05
Mer, Mag

Covid Lombardia, "quasi 900 persone in terapia intensiva"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Coronavirus in Lombardia, sono "quasi 900" le persone ricoverate nelle terapie intensive della Regione. A dirlo è il dg al Welfare lombardo, Giovanni Pavesi, in audizione in commissione Sanità Lombardia. "In questo momento - ha spiegato - il sistema sanitario lombardo sta ricoverando quasi 900 persone in terapia intensiva, alcune migliaia sono quelle con il Covid nei reparti".  

Quanto ai vaccini a chi ha già avuto il Covid, il dg ha ricordato che "in questo momento non abbiamo indicazioni che ci dicano che il paziente negativizzato non debba essere vaccinato. Anche loro hanno diritto alla vaccinazione. Si discute se sia sufficiente fare una sola dose o due ma ora dall'Iss non c’è alcuna indicazione contraria alla vaccinazione di questi soggetti". 

"Da ieri gli over 80 possono prenotarsi sul sistema Poste. L’impegno che ci eravamo dati di arrivare per l'11 aprile a una copertura - che non sarà al 100% ma sostanziale - da indennità di gregge della popolazione anziana, è un obiettivo che un po' faticosamente raggiungiamo", ha aggiunto. 

"Viaggiamo inoltre ormai al 90% di copertura di tutto il personale scolastico - ha sottolineato Pavesi - è una platea di 120mila cittadini, di cui 90mila hanno ricevuto la prima dose". Quanto ai problemi registrati in passato con le prenotazioni sul portale di Aria, Pavesi ha osservato: "Oggettivamente abbiamo avuto problemi di cui ci siamo scusati con i cittadini e che derivano da un impianto informatico che in alcuni casi non ha risposto alle nostre aspettative". 

Quindi ha aggiunto: "Nei mesi in cui abbiamo lavorato con il sistema di Aria la nostra Regione, in maniera difficoltosa, ha portato a casa il doppio delle somministrazioni della seconda regione in Italia per vaccinazioni. Il numero assoluto raggiunto è di 1 milione e 900mila vaccinazioni, è un numero che un sistema completamente fallimentare non avrebbe consentito di raggiungere". Pavesi ha ricordato inoltre che "oggi raggiungiamo la copertura dell’80% dei cittadini over 80 che avevano aderito al programma di vaccinazione. Siamo a conoscenza che si sono stati momenti di difficoltà ma raggiungere oggi questa copertura è un risultato non trascurabile".