Riapertura scuole, presidi: "Sì a rientro, ma trasporti insufficienti e aule carenti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Riapertura scuole, presidi: "Sì a rientro, ma trasporti insufficienti e aule carenti"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Noi non contestiamo la misura del rientro a scuola in presenza al 100%, anzi la abbiamo sempre auspicata. Ma facciamo presente una questione di natura tecnica: se i trasporti non erano sufficienti per garantire afflusso e aule carenti dal punto di vista della metratura, queste condizioni permangono". A ribadire il punto con l'Adnkronos è il presidente dell'Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli che aggiunge: "fatto positivo è la percentuale di somministrazione della prima dose del vaccino al personale scolastico, al 75%. Peccato si sia deciso di arrestarla per dedicarsi esclusivamente a quella per età. Avrebbero dovuto procedere in parallelo". 

Per quanto riguarda il rientro in presenza da lunedì prossimo "riteniamo debbano essere i singoli presidi delle superiori a decidere la percentuale, partendo da un minimo garantito, perché hanno contezza delle problematiche del loro istituto. Se il Governo invece intende far tornare tutti in presenza - precisa - basta che ci comunichi la riduzione della distanza". C'è poi il capitolo trasporti: "Io non discuto e non voglio essere il censore di nessuno: ma versano nelle condizioni di 6 mesi fa". Il door to school proposto dai privati "era una soluzione intelligente. Forse non ci sono le risorse? - si chiede - Noi confidiamo in una risoluzione". Potrebbero esserlo i tamponi salivari? "Siamo favorevoli se il Cts li autorizza. Ma non si chieda al personale scolastico di somministrarli. Non è loro competenza".  

(di Roberta Lanzara)