Riaperture, l'Alto Adige anticipa il green pass: come funziona - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Lun, Mag

Riaperture, l'Alto Adige anticipa il green pass: come funziona

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

La Provincia di Bolzano anticipa il green pass e a partire da lunedì aprirà anche l'area interna dei ristoranti: avranno accesso su prenotazione solo i clienti che possano dimostrare di essere vaccinati o di essere guariti dal Covid-19 oppure o abbiamo eseguito il tampone. Lo ha affermato il governatore Arno Kompatscher durante la conferenza stampa dopo la seduta della giunta provinciale. L'ordinanza sarà firmata entro giovedì, al massimo venerdì.  

"Vogliamo riaprire, ma non per dover poi richiudere, come è avvenuto in Sardegna. Per questo motivo proseguiamo sulla strada dei vaccini e dei test a tappeto", ha sottolineato Kompatscher. Il 'green pass altoatesino' avrà un applicazione per gli smartphone, non sarà obbligatorio per la consumazione ai tavoli all'aperto e per l'asporto.  

"La privacy è garantita perché il ristoratore vede solo che il cliente è immune e non se è guarito, vaccinato oppure semplicemente testato - ha spiegato Kompatscher - ho fatto il tampone stamattina e potrei accedere". Il presidente della Provincia autonoma ha poi parlato di un eventuale estensione del green pass anche ai cinema e altri raduni al chiuso. I test all'ingresso dei locali saranno introdotti, appena Roma rilascerà le autorizzazioni necessarie.