Vaccini Campania, ordinanza isole: nuove dosi a Capri, Ischia e Procida - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Ven, Mag

Vaccini Campania, ordinanza isole: nuove dosi a Capri, Ischia e Procida

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Isole Covid free? Al momento il governo non si esprime, ma intanto la Campania fa un passo in avanti sulle vaccinazioni anti coronavirus con una nuova ordinanza in vista dell'estate, procedendo ad "ulteriori vaccinazioni" per i residenti di Capri, Ischia e Procida "secondo un ordine decrescente per fasce di età e previa somministrazione ad almeno il 90% degli aderenti per ciascuna fascia". Il tutto, però, solo dopo il completamento delle vaccinazioni delle fasce "fragili" della popolazione. Questo quanto prevede l'ordinanza a firma del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, in via di pubblicazione, contenente disposizioni sullo svolgimento della campagna vaccinale nei territori isolani.  

Con l'ordinanza, la Regione Campania dà mandato all'Asl Napoli 1 Centro, competente sul territorio di Capri, e all'Asl Napoli 2 Nord, competente su Ischia e Procida, "ad avvenuto completamento delle vaccinazioni delle fasce 'fragili' della popolazione, come individuate dal Piano strategico nazionale dei vaccini e dalle Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione adottate dal Ministero della Salute", di organizzare "il calendario delle ulteriori vaccinazioni includendovi, secondo un ordine decrescente per fasce di età e previa somministrazione ad almeno il 90% degli aderenti per ciascuna fascia, i cittadini aventi stabile residenza, domicilio o dimora sui rispettivi territori isolani".  

Una volta raggiunto "almeno il 90% delle adesioni pervenute" relative a residenti e domiciliati, le Asl Napoli 1 e 2 dovranno inoltre "organizzare la vaccinazione dei cittadini stabilmente impegnati in attività lavorativa sui territori isolani". 

"Per le isole, per la particolare situazione di delicatezza sanitaria, procederemo così: completate le fasce a rischio, procederemo per una vaccinazione di carattere generale perché abbiamo fra l'altro una particolare esposizione alla presenza di stranieri e quindi anche all'importazione di varianti Covid", dice il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. 

"Andremo avanti come abbiamo detto, senza perdere un minuto di tempo, e poi faremo i protocolli d'intesa per le categorie economiche che sono più interessate a decisioni rapide, a cominciare dal comparto turistico-alberghiero", aggiunge. 

"Open day" vaccinali in tutte le Asl della Campania "al fine di offrire la maggiore offerta possibile di somministrazione di vaccino ai soggetti aventi diritto", quanto prevede ancora l'ordinanza. 

Nell'ordinanza si legge che "tutte le Aziende sanitarie della Campania sono autorizzate a realizzare nei territori di competenza, nell'ambito delle categorie-fasce di età attive secondo il Piano vaccinale vigente, sedute o giornate vaccinali ad accesso libero, al fine di offrire la maggiore offerta possibile di somministrazione di vaccino ai soggetti aventi diritto, con obbligo di assicurare la contestuale registrazione dei relativi dati di adesione e avvenuta vaccinazione sulla piattaforma regionale Sinfonia".