Superlega, Nino D'Angelo: "Si facciano campionato per ricchi, quello non è calcio" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Superlega, Nino D'Angelo: "Si facciano campionato per ricchi, quello non è calcio"

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"A me interessa che non ci sia il Napoli, in quella superlega: si facessero il loro campionato per ricchi, tanto ce li hanno i soldi. Noi dobbiamo stabilire se il calcio è ancora passione o è diventato solo business. Perché se è solo business, a un tifoso vero non interessa". Nino D'Angelo non ci sta, e da super tifoso del suo Napoli dice la sua all'Adnkronos sulla nascita della nuova superlega europea a cui parteciperanno, allo stato attuale, i tre club italiani Inter, Milan e Juventus. "Per un tifoso -affonda l'attore e cantante partenopeo- non è bello sentire queste notizie. Le differenze nel calcio non dovrebbero esistere. Il calcio è una passione bellissima, lo vogliono rovinare a tutti i costi e secondo me, sono proprio i tifosi di quelle squadre, Inter, Milan e Juve, che dovrebbero ribellarsi".  

"Coi soldi si fa tutto ma io ho paura dei potenti, di quelli che hanno troppi soldi -spiega D'Angelo- Per me il calcio è sentimento, io sono un passionale, io ho pianto per Maradona ma ora è davvero cambiato il mondo. I soldi con la passione non ci azzeccano nulla". L'artista napoletano aggiunge poi una considerazione: "Io sono tifoso del Napoli perché sono tifoso della mia città, il calcio è amore. E dovrebbero stare attenti perché il calcio ha bisogno del tifoso, è come quando uno ama e l'altro non ama: tra il pubblico e la squadra è una storia d'amore. Il calcio ha bisogno del pubblico, per amore ma anche per i soldi. Se il pubblico si disaffeziona, poi chi paga più il biglietto per andare allo stadio?". 

Questi grossi club "sono sicuramente belli a vedersi, ma così facendo si fanno un campionato loro. Se ce la fanno, è finito il calcio. Allora la Coppa dei Campioni, la Coppa Uefa cosa ci stanno a fare? Bisogna vedere e sperare che gli altri grandi club si rifiutino, così restano fuori dal sistema. Alla fine, bisogna vedere se il sistema calcio vince sulla passione vera".