"Può indossare mascherina?", papà di Syria picchiato al bar - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Sab, Giu

"Può indossare mascherina?", papà di Syria picchiato al bar

"Può indossare mascherina?", papà di Syria picchiato al bar

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Aggredito e picchiato al bar per aver chiesto di indossare la mascherina. E' quanto accaduto a Luciano Cipressi, in arte Elio Cipri, direttore artistico di Radio Italia e padre della cantante Syria. E' stata proprio Syria a raccontare l'episodio su Instagram, dove ha anche pubblicato la foto del padre con il volto tumefatto.  

"Questo è il risultato dell'inciviltà. Mio padre è stato preso per il collo e ha ricevuto un pugno da un signore che si aggirava per il bar Vanni a Roma senza mascherina", scrive Syria, che poi aggiunge: "Il virus ancora gira, non abbassiamo la guardia. La mascherina ci protegge e protegge, ma non è ancora chiaro a molte persone. C'è ancora tanta gente incivile, mi dispiace papà!".  

E ancora: "Trauma facciale e dieci giorni di prognosi per aver detto 'mi scusi sono un po' rompiscatole, ma dovrebbe girare con la mascherina per favore". La cantante ha poi ringraziato per "i messaggi di solidarietà al mio papà. Queste cose non dovrebbero accadere mai, è grave che ci sia ancora tanta gente incivile. Non abbassate la guardia e non abbiate mai paura, anche in questi casi, di denunciare le persone". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002