Covid, Mattarella vaccinato allo Spallanzani - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Covid, Mattarella vaccinato allo Spallanzani

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Vaccino contro il Coronavirus per il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il capo dello Stato è arrivato in mattinata, poco prima delle 12, all'ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma per sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid. Al Presidente della Repubblica è stata somministrata la dose di vaccino anti-Covid Moderna, come previsto per i pazienti della sua età.

 

Dopo la somministrazione, il Presidente ha lasciato l'ospedale romano dove era giunto all'ora prevista per la vaccinazione come da prenotazione, secondo la procedura seguita dal Capo dello Stato, così come aveva annunciato nel messaggio di fine anno. "Io mi vaccinerò appena possibile, dopo le categorie che, essendo a rischio maggiore, debbono avere la precedenza".  

"Era vicino a me e mi ha salutato, gran bella persona", ha detto Wilma, appena uscita dallo Spallanzani dopo aver ricevuto la prima dose di Moderna. "Ero vicino al presidente ma sinceramente ero troppo nervoso per salutarlo", ha confessato Mario, 80 anni, anche lui vaccinato con il presidente. Ad accogliere Mattatella il direttore sanitario dello Spallanzani Francesco Vaia e l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. 

Il presidente della Repubblica ha seguito la tempistica prevista dalla Regione Lazio, visto che compirà 80 anni il prossimo 23 luglio. "La scienza - aveva sempre affermato rivolgendosi agli italiani il 31 dicembre scorso - ci offre l’arma più forte, prevalendo su ignoranza e pregiudizi. Ora a tutti e ovunque, senza distinzioni, dovrà essere consentito di vaccinarsi gratuitamente: perché è giusto e perché necessario per la sicurezza comune". 

"Vaccinarsi è una scelta di responsabilità, un dovere. Tanto più per chi opera a contatto con i malati e le persone più fragili. Di fronte a una malattia così fortemente contagiosa, che provoca tante morti, è necessario tutelare la propria salute ed è doveroso proteggere quella degli altri, familiari, amici, colleghi". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002