Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Mag
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Ancona: contagiò 2 donne con il virus Hiv, pena di 16 anni

Ancona: contagiò 2 donne con il virus Hiv, pena di 16 anni

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Gup Ancona, omicidio volontario moglie e contagio ex fidanzata

Ancona: contagiò 2 donne con il virus Hiv, pena di 16 anni
Ancona: contagiò 2 donne con il virus Hiv, pena di 16 anni

 

Sedici anni e otto mesi di carcere per aver contagiato consapevolmente la compagna, poi morta nel 2017, e poi aver trasmesso il virus dell'Hiv all'ex fidanzata. E' la pena inflitta dal gup di Ancona Paola Moscaroli, con rito abbreviato, a Claudio Pinti, 35enne ex autotrasportatore di Ancona, riconosciuto colpevole di omicidio volontario e di lesioni volontarie gravissime. Fu l'ex fidanzata 40enne di Ancona, dopo la scoperta di essere stata infettata, a denunciare l'imputato con cui aveva avuto una relazione. Seguirono indagini e l'arresto da parte della Squadra Mobile nel giugno 2018. Pinti, detenuto a Rebibbia, e da qualche giorno uscito dall'ospedale di Viterbo dov'era ricoverato, era in aula scortato dalla Penitenziaria.

Ha sempre sostenuto che l'Aids non esiste e rifiutato cure specifiche per la malattia. "Mi ha defraudata della libertà di scelta e ingannata sul suo stato di salute", si era sfogata con i poliziotti l'autrice della denuncia dopo il responso di sieropositività ricevuto dagli Ospedali Riuniti di Ancona. Timori ancora maggiori di diffusione del contagio c'erano stati quando il 35enne aveva raccontato agli agenti di aver avuto circa 200 rapporti sessuali, anche non protetti, con donne e uomini provenienti da tutta Italia, contattati su chat e social network. Tanto da spingere allora la Questura di Ancona a diffondere il nome e la foto dell'arrestato per mettere in guardia persone che avessero avuto rapporti con Pinti e denunciare.

Le indagini e la mancanza di denunce - forse dovuta per qualcuno alla paura di esporsi - sembrerebbero aver scongiurato un contagio più ampio come quello provocato da Valentino Talluto, il romano condannato a 24 anni di carcere per aver infettato con l'Hiv almeno 30 partner. Per l'ex autotrasportatore la Procura di Ancona - i pm Irene Bilotta e Marco Pucilli - avevano chiesto una condanna a 18 anni di reclusione. Il gup ha accolto la tesi accusatoria sulla sussistenza di omicidio volontario e lesioni ma ha irrogato una pena più lieve: la motivazione verrà depositata entro 90 giorni.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo