Contratto di sviluppo, l’esperienza di Luxury Private Properties - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Contratto di sviluppo, l’esperienza di Luxury Private Properties

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Talvolta la vita è ingiusta, ti mette di fronte a fatti e situazioni talmente più grandi di te che ti ritrovi disarmato e non riesci a decifrarli, ad analizzarli, a spiegarli. Sono frangenti interminabili che si susseguono. Amore mio, che hai fatto della tua passione un lavoro, che sei stato figlio esemplare, fratello ineguagliabile e compagno straordinario per il nostro progetto di vita meraviglioso, lasci nei cuori un vuoto incolmabile".

Sono le parole strazianti pronunciate dal pulpito dell’Abbazia di Fossanova al suo Vittorio dalla fidanzata Domenica con la quale il carabiniere ucciso in Congo era legato e con la quale avrebbe dovuto sposarsi.  

"Resterai indelebile, il tuo sorriso, tuoi occhioni verdi, felici, i tuoi modi garbati che ti rendevano adeguato in ogni circostanza, il tuo cuore grande, l’amore smodato per i nostri nipoti, la voglia di fare, il tuo grande altruismo sono per noi motivo di orgoglio. Alessia ti vuole un gran bene e Delio ti ama, anche se non me lo dice. Il tuo lavoro era la tua vita - continua - ci hai sempre creduto, hai sempre voluto migliorarti. E a me, che sempre ti domandavo di raccontarmi, ‘non posso’ mi rispondevi". "Ti dico grazie, perché da te ho imparato tanto, mi sei rimasto sempre accanto. Non hai mai capito abbastanza quanto fossi importante per me, perché in fondo nemmeno io so quantificare quanto lo eri. Ora ci lasci da eroe come desideravi - conclude la fidanzata di Iacovacci - hai commosso il mondo, tutti hanno avuto un pensiero per te. Non è un addio, è un arrivederci. A te, guerriero, che sei la nostra scorta armata dai cieli, il nostro angelo custode. Per te sventolerà sempre il tricolore che tanto amavi, te lo prometto". (Di Silvia Mancinelli) 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002